PROSTITUZIONE VENEZIA: CENTRI CINESI CHIUSI, TRE ARRESTI
15/10/2015 17:06

Quattro centri massaggi cinesi chiusi e tre arresti: è questo il bilancio dell'operazione antiprostituzione della squadra mobile di Venezia che ha operato tra Mestre, Spinea e Conegliano (Treviso). "E' stata una brillante operazione - ha detto il procuratore aggiunto Adelchi d'Ippolito - che si inserisce in una decisa azione della magistratura e delle forze di polizia contro lo sfruttamento della prostituzione, un fenomeno molto presente sul territorio". L'indagine è nata lo scorso anno, quando un cinese si è presentato in questura per rinnovare alcuni documenti, facendo riferimento a un centro massaggi. La polizia ha voluto scavare su questo fronte, trovando riscontro su un sito internet in cui venivano reclamizzati i massaggi di vari centri. Dopo una serie di accertamenti, intercettazioni telefoniche e controlli diretti, la mobile ha scoperto che le quattro strutture avevano una parvenza legale, ma parallelamente le dipendenti, tutte in regola, offrivano pratiche sessuali con un sovraprezzo di 50-60 euro. I centri dipendevano da società diverse, ma 'collaboravano' tra loro soprattutto per la gestione delle ragazze a cui andava il 30% di quanto incassato dal centro per singolo cliente. Il giro d'affari era di circa 700 euro al giorno per ogni locale (senza rilascio di ricevute). Così, sulla base delle prove raccolte, la procura veneziana ha emesso un'ordinanza di custodia, con arresti domiciliari, per tre cinesi tra i 30 e i 35 anni, e un provvedimento di sequestro per quattro centri, il 'Celebrità' di Spinea, il 'Relax club' di Conegliano (Treviso), il 'Romantic house' e l' 'Happy house' di Mestre.

PROSTITUZIONE VENEZIA: CENTRI CINESI CHIUSI, TRE ARRESTI

Quattro centri massaggi cinesi chiusi e tre arresti: è questo il bilancio dell'operazione antiprostituzione della squadra mobile di Venezia che ha operato tra Mestre, Spinea e Conegliano (Treviso). "E' stata una brillante operazione - ha detto il procuratore aggiunto Adelchi d'Ippolito - che si inserisce in una decisa azione della magistratura e delle forze di polizia contro lo sfruttamento della prostituzione, un fenomeno molto presente sul territorio". L'indagine è nata lo scorso anno, quando un cinese si è presentato in questura per rinnovare alcuni documenti, facendo riferimento a un centro massaggi. La polizia ha voluto scavare su questo fronte, trovando riscontro su un sito internet in cui venivano reclamizzati i massaggi di vari centri. Dopo una serie di accertamenti, intercettazioni telefoniche e controlli diretti, la mobile ha scoperto che le quattro strutture avevano una parvenza legale, ma parallelamente le dipendenti, tutte in regola, offrivano pratiche sessuali con un sovraprezzo di 50-60 euro. I centri dipendevano da società diverse, ma 'collaboravano' tra loro soprattutto per la gestione delle ragazze a cui andava il 30% di quanto incassato dal centro per singolo cliente. Il giro d'affari era di circa 700 euro al giorno per ogni locale (senza rilascio di ricevute). Così, sulla base delle prove raccolte, la procura veneziana ha emesso un'ordinanza di custodia, con arresti domiciliari, per tre cinesi tra i 30 e i 35 anni, e un provvedimento di sequestro per quattro centri, il 'Celebrità' di Spinea, il 'Relax club' di Conegliano (Treviso), il 'Romantic house' e l' 'Happy house' di Mestre.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
SCACCIAVA CIMICI, GIOVANE PRECIPITA DAL TERZO PIANO Tragedia sabato pomeriggio a Campodarsego: un trentenne è precipitato dal terzo piano ed è morto sul colpo. Stava scacciando le cimici insediates...

Il Centro Operativo della Dia di Padova e la Sezione Operativa della Dia di Lecc...

Un albanese di 51 anni, dipendente di un'azienda di autotrasporti padovana, è morto in un incidente avvenuto oggi sull'autostrada del Brennero, sulla carreggiata Nord, tra il casello di Nogarole Rocc...

Sarebbe stato acquistato in un'azienda del Padovano il tallio che Mattia Del Zotto, il giovane di Nova Milanese arrestato dai carabinieri, a...

Sono riusciti nell'intento di rapinare 18 mila euro alla banca Antonveneta di Torreglia e a seminare il panico tra dipendenti e clienti dell'istituto di credito...

Sarà il tribunale di sorveglianza di Padova a decidere sulla richiesta della procura di una restrizione della libertà vigilata o il trasferimento in una 'casa di lavoro' per Giuseppe Salvatore Riina...

E' un ivoriano di 35 anni, richiedente asilo in Italia, il migrante travolto e ucciso da un'auto mentre era in bicicletta. Faceva parte di un gruppo di 150 migranti che si sono spo...

Cinque arresti per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, favoreggiamento della prostituzione e riduzione in schiavitù da parte del...

La Polizia di Padova ha sequestrato 59 chili di eroina in un appartamento nel cuore della città e ha arrestato due cittadini albanesi. Un ...

Una studentessa di un istituto superiore veneziano si è presentata in classe stamane con un ferita d'arma da taglio ad ...