UCCIDE LA MOGLIE E SI SPARA TRAGEDIA A MESTRE
20/10/2015 17:33

Avrebbero pianificato il loro gesto e lasciato una lettera di scuse e ringraziamento ai propri cari i due coniugi protagonisti di una tragedia che si è consumata questa mattina nella hall dell'ospedale dell'Angelo a Mestre. Il marito, Ernesto Cecchinato, 95 anni, sofferente di cuore, ha sparato due colpi di pistola al torace della moglie, Loredana Pedrocco, 90 anni, uccidendola e poi si è sparato alla testa, ferendosi gravemente. L'anziano è ora ricoverato in rianimazione.  I due erano seduti su una panchina dell' accettazione in attesa del loro turno per delle visite quando l'uomo ha estratto la pistola e ha sparato.  Nella borsetta della donna, una lettera d'addio di entrambi alla figlia:  l'omicidio-suicidio sarebbe stato concordato tra i due anziani coniugi. Lui era malato da tempo e temeva dover lasciare la moglie sola. La coppia, di Mestre, era arrivata in ospedale con un taxi da Abano Terme (Padova), dove soggiornavano per lunghi periodi all’hotel Venezia. Sul posto gli uomini del Commissariato di Mestre. Il vice questore aggiunto Eugenio Vomiero spiega: "Si sentivano alla fine e non volevano essere di peso alla figlia". .

UCCIDE LA MOGLIE E SI SPARA TRAGEDIA A MESTRE

Avrebbero pianificato il loro gesto e lasciato una lettera di scuse e ringraziamento ai propri cari i due coniugi protagonisti di una tragedia che si è consumata questa mattina nella hall dell'ospedale dell'Angelo a Mestre. Il marito, Ernesto Cecchinato, 95 anni, sofferente di cuore, ha sparato due colpi di pistola al torace della moglie, Loredana Pedrocco, 90 anni, uccidendola e poi si è sparato alla testa, ferendosi gravemente. L'anziano è ora ricoverato in rianimazione.  I due erano seduti su una panchina dell' accettazione in attesa del loro turno per delle visite quando l'uomo ha estratto la pistola e ha sparato.  Nella borsetta della donna, una lettera d'addio di entrambi alla figlia:  l'omicidio-suicidio sarebbe stato concordato tra i due anziani coniugi. Lui era malato da tempo e temeva dover lasciare la moglie sola. La coppia, di Mestre, era arrivata in ospedale con un taxi da Abano Terme (Padova), dove soggiornavano per lunghi periodi all’hotel Venezia. Sul posto gli uomini del Commissariato di Mestre. Il vice questore aggiunto Eugenio Vomiero spiega: "Si sentivano alla fine e non volevano essere di peso alla figlia". .

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, si intensifica il lavoro di controllo delle zone sensibi...

Riaccendere l'attenzione su un virus dimenticato. E' questo l'appello che viene lanciato nella Giorn...