TRUFFE ASSICURAZIONI , CHIUSE FILIALI IN 9 DENUNCIATI
22/10/2015 15:31

Verona- Era stato radiato dall'Isvap (l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ma continuava a fornire attività di consulenza e brokeraggio il gruppo della Bassa veronese finito al centro di un'indagine dei carabinieri di Bovolone (Verona) che, in collaborazione con la Polizia Municipale, hanno scoperto una truffa nel campo assicurativo. Gli investigatori, su disposizione della Procura scaligera, hanno posto i sigilli a due sedi del gruppo, a Cerea e Casaleone, indagando 9 persone. Finora sono state individuati 350 clienti truffati dal "brocker": anziani, operai, extracomunitari, ma anche imprenditori della zona, che avevano pagato un contratto con una compagnia telefonica, ricevendo in contrassegno assicurativo regolare, senza però avere poi la copertura, perché l'intermediario si tratteneva i soldi. Secondo quanto reso noto dai Carabinieri l'agenzia, pur non potendo più operare nel settore, richiedeva preventivi on-line a compagnie telefoniche per conto della propria clientela, e si faceva immediatamente carico del bonifico di pagamento dell'assicurazione per avere la spedizione del tagliando assicurativo. Bonifico però che poi non andava mai a buon fine. E i solleciti di pagamento inviati dalle compagnie assicurative arrivavano all'agenzia, individuata come la contraente della polizza, e non alle ignare vittime della truffa. L'indagine è ancora in una fase iniziale con molta documentazione ancora da esaminare.

TRUFFE ASSICURAZIONI , CHIUSE FILIALI IN 9 DENUNCIATI

Verona- Era stato radiato dall'Isvap (l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ma continuava a fornire attività di consulenza e brokeraggio il gruppo della Bassa veronese finito al centro di un'indagine dei carabinieri di Bovolone (Verona) che, in collaborazione con la Polizia Municipale, hanno scoperto una truffa nel campo assicurativo. Gli investigatori, su disposizione della Procura scaligera, hanno posto i sigilli a due sedi del gruppo, a Cerea e Casaleone, indagando 9 persone. Finora sono state individuati 350 clienti truffati dal "brocker": anziani, operai, extracomunitari, ma anche imprenditori della zona, che avevano pagato un contratto con una compagnia telefonica, ricevendo in contrassegno assicurativo regolare, senza però avere poi la copertura, perché l'intermediario si tratteneva i soldi. Secondo quanto reso noto dai Carabinieri l'agenzia, pur non potendo più operare nel settore, richiedeva preventivi on-line a compagnie telefoniche per conto della propria clientela, e si faceva immediatamente carico del bonifico di pagamento dell'assicurazione per avere la spedizione del tagliando assicurativo. Bonifico però che poi non andava mai a buon fine. E i solleciti di pagamento inviati dalle compagnie assicurative arrivavano all'agenzia, individuata come la contraente della polizza, e non alle ignare vittime della truffa. L'indagine è ancora in una fase iniziale con molta documentazione ancora da esaminare.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy