ECOSISTEMA URBANO RAPPORTO LEGAMBIENTE
26/10/2015 11:51

Ecosistema urbano, giunto alla ventiduesima edizione, è la “fotografia ambientale”  scattata annualmente a tutti i capoluoghi italiani da Legambiente, in collaborazione con il Sole 24 Ore, analizzati attraverso 18 parametri ambientali. Spiega Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova: “i dati di Padova che presentiamo sono stati forniti dal Comune,  riguardano il 2014, l’anno di passaggio tra governo del centro sinistra e amministrazione di centro destra, e  descrivono una città sostanzialmente mediocre sul piano ambientale: 35sima in “classifica generale” . Benché cresca la consapevolezza ambientale dei cittadini, le politiche delle Amministrazioni, nella maggioranza dei casi, non la supportano.”

Il bubbone nero rimane la mobilità e il trasporto pubblico – dichiara Passi – “qui nulla si muove quando non peggiora. Basta vedere il crollo dei passeggeri trasportati da tram e bus negli ultimi 5 anni: dai 150 viaggi/anno per abitante del 2010, ai 146 del 2011, ai 136 del 2012, ai 133 del 2103 con il tonfo ai 103 del 2014, in cui gli autobus hanno complessivamente perso un milione e centomila passeggeri in un anno (mentre il tram ne ha guadagnati circa 130mila) "
A questo proposito Legambiente ha lanciato una petizione per invertire la tendenza chiedendo di investire i soldi provenienti dalle multe degli autovelox (6 milioni annui) nel potenziamento del trasporto pubblico locale: per firmare http://www.legambientepadova.it/petizione_bus_2015.

Tornando ad Ecosistema urbano: il resto dei parametri riguardanti la mobilità non migliorano la situazione: l’incidentalità stradale ci colloca, per questo parametro, al 64esimo posto in classifica, con 5,28 incidenti ogni 10.000 abitanti. Invece di diminuire restano 58 su 100 abitanti le auto circolanti in città, come l’anno scorso e come da 5 anni a questa parte: ovviamente il depotenziamento degli autobus spinge la gente ad usare l’auto.
Unico dato positivo, tra i parametri della mobilità, è lo sviluppo delle piste ciclabili che nel 2014 toccano i 18,36 metri ogni 100 abitanti.

Diminuisce la produzione globale di rifiuti urbani che scende dai 624 chili procapite del 2013 ai 615 del 2014. In calo anche i consumi idrici, che scendeno dai 142 litri procapite ai 132.
Diminuisce  inoltre la perdita d’acqua in rete che scende dal 35% del 2013 al 33,5 del 2014. Non migliora infine, la capacità di depurazione delle acque di scarico: è ferma all’87%, da tre anni.”
“Nel quadro ambientale di Padova vanno considerati infine - conclude Passi - l’abnorme consumo di suolo e l’alluvione edilizia con tutti i guasti a cascata che comporta: aumento della mobilità privata, inquinamento, perdita di qualità territoriale. Da tempo Legambiente chiede una revisione dell’edificazione prevista dai piani comunali, che con 4.692.124 metri cubi è assolutamente sovradimensionata”

ECOSISTEMA URBANO RAPPORTO LEGAMBIENTE

Ecosistema urbano, giunto alla ventiduesima edizione, è la “fotografia ambientale”  scattata annualmente a tutti i capoluoghi italiani da Legambiente, in collaborazione con il Sole 24 Ore, analizzati attraverso 18 parametri ambientali. Spiega Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova: “i dati di Padova che presentiamo sono stati forniti dal Comune,  riguardano il 2014, l’anno di passaggio tra governo del centro sinistra e amministrazione di centro destra, e  descrivono una città sostanzialmente mediocre sul piano ambientale: 35sima in “classifica generale” . Benché cresca la consapevolezza ambientale dei cittadini, le politiche delle Amministrazioni, nella maggioranza dei casi, non la supportano.”

Il bubbone nero rimane la mobilità e il trasporto pubblico – dichiara Passi – “qui nulla si muove quando non peggiora. Basta vedere il crollo dei passeggeri trasportati da tram e bus negli ultimi 5 anni: dai 150 viaggi/anno per abitante del 2010, ai 146 del 2011, ai 136 del 2012, ai 133 del 2103 con il tonfo ai 103 del 2014, in cui gli autobus hanno complessivamente perso un milione e centomila passeggeri in un anno (mentre il tram ne ha guadagnati circa 130mila) "
A questo proposito Legambiente ha lanciato una petizione per invertire la tendenza chiedendo di investire i soldi provenienti dalle multe degli autovelox (6 milioni annui) nel potenziamento del trasporto pubblico locale: per firmare http://www.legambientepadova.it/petizione_bus_2015.

Tornando ad Ecosistema urbano: il resto dei parametri riguardanti la mobilità non migliorano la situazione: l’incidentalità stradale ci colloca, per questo parametro, al 64esimo posto in classifica, con 5,28 incidenti ogni 10.000 abitanti. Invece di diminuire restano 58 su 100 abitanti le auto circolanti in città, come l’anno scorso e come da 5 anni a questa parte: ovviamente il depotenziamento degli autobus spinge la gente ad usare l’auto.
Unico dato positivo, tra i parametri della mobilità, è lo sviluppo delle piste ciclabili che nel 2014 toccano i 18,36 metri ogni 100 abitanti.

Diminuisce la produzione globale di rifiuti urbani che scende dai 624 chili procapite del 2013 ai 615 del 2014. In calo anche i consumi idrici, che scendeno dai 142 litri procapite ai 132.
Diminuisce  inoltre la perdita d’acqua in rete che scende dal 35% del 2013 al 33,5 del 2014. Non migliora infine, la capacità di depurazione delle acque di scarico: è ferma all’87%, da tre anni.”
“Nel quadro ambientale di Padova vanno considerati infine - conclude Passi - l’abnorme consumo di suolo e l’alluvione edilizia con tutti i guasti a cascata che comporta: aumento della mobilità privata, inquinamento, perdita di qualità territoriale. Da tempo Legambiente chiede una revisione dell’edificazione prevista dai piani comunali, che con 4.692.124 metri cubi è assolutamente sovradimensionata”

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy