"RESISTERE SENZA ARMI" LA MEMORIA A PALAZZO FERRO FINI
13/01/2016 17:13

E' stata Inaugurata oggi a palazzo Ferro Fini a Venezia la mostra “Resistere senza Armi” , che ripercorre le vicende degli oltre 3 mila militari veneziani deportati nei campi di prigionia tedeschi dopo l’Armistizio dell’8 settembre 1943. A fare gli onori di casa il  Vicepresidente Pigozzo, che ha voluto sottolineare il valore morale dell’esempio di quanti, pur potendo scegliere ben migliori condizioni di vita e il ritorno in Patria, rifiutarono di ritornare a combattere preferendo rimanere nei Lager: oltre 40 mila dei 650 mila militari deportati morirono nei campi nazisti. Dopo il Presidente Pigozzo è stato il professor Mario Isnenghi, Presidente dell'Iveser, l'Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, nonché uno dei massimo studiosi delle guerre novecentesche, che ha ribadito non solo l’importanza del recupero dei materiali, delle testimonianze e documenti che altrimenti sarebbero andati dispersi, ma anche la figura centrale della vittima nella riflessione contemporanea, che ha spostato il proprio interesse verso questi protagonisti anonimi che hanno sopportato, e sopportano tutt’oggi, gli esiti delle vicende belliche o di tragedie epocali, come appunto i Militai italiani internati nei lager tedeschi. Con questa mostra, aperta al pubblico a palazzo Ferro Fini dalle 10 alle 17 dal lunedì al venerdì, si inaugura il percorso veneziano della “Giornata della Memoria”.

"RESISTERE SENZA ARMI" LA MEMORIA A PALAZZO FERRO FINI

E' stata Inaugurata oggi a palazzo Ferro Fini a Venezia la mostra “Resistere senza Armi” , che ripercorre le vicende degli oltre 3 mila militari veneziani deportati nei campi di prigionia tedeschi dopo l’Armistizio dell’8 settembre 1943. A fare gli onori di casa il  Vicepresidente Pigozzo, che ha voluto sottolineare il valore morale dell’esempio di quanti, pur potendo scegliere ben migliori condizioni di vita e il ritorno in Patria, rifiutarono di ritornare a combattere preferendo rimanere nei Lager: oltre 40 mila dei 650 mila militari deportati morirono nei campi nazisti. Dopo il Presidente Pigozzo è stato il professor Mario Isnenghi, Presidente dell'Iveser, l'Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, nonché uno dei massimo studiosi delle guerre novecentesche, che ha ribadito non solo l’importanza del recupero dei materiali, delle testimonianze e documenti che altrimenti sarebbero andati dispersi, ma anche la figura centrale della vittima nella riflessione contemporanea, che ha spostato il proprio interesse verso questi protagonisti anonimi che hanno sopportato, e sopportano tutt’oggi, gli esiti delle vicende belliche o di tragedie epocali, come appunto i Militai italiani internati nei lager tedeschi. Con questa mostra, aperta al pubblico a palazzo Ferro Fini dalle 10 alle 17 dal lunedì al venerdì, si inaugura il percorso veneziano della “Giornata della Memoria”.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
AUSCHWITZ IN MOSTRA ALLE SCUDERIE DI PALAZZO MORONI - "La parla Aushwitz rappresenta per il mondo co...

Primus Inter Pares del 23/1/2019 - Adolfo Locci, Rabbino Capo di Padova Ospite: - Adolfo Locci, Rabbino Capo di Padova ...

GIORNO DELLA MEMORIA, PER NON DIMENTICARE. 73 anni fa i sovietici entravano nel cmapo di sterminio d...

GIORNO DELLA MEMORIA: LE CELEBRAZIONI A PADOVA. In occasione del Giorno della Memoria, tante le iniziative, istituzional...

GIORNO DELLA MEMORIA: "UNA LEZIONE NON IMPARATA". Tra due giorni ricorre il Giorno della Memoria, in un periodo in cui razzismo e antisemitismo continuano ncora, periodicamente, a ...

BRACCIO DI FERRO TRA REGIONE E MEDICI DI BASE Niente accordi tra i medici di ba...

Tv7 Match del 27/01/2017 - Giornata della memoria Ospiti: -ANTONIA ARSLAN,scrittrice - saggista -Prof. ERMANNO CHASEN,Editore GruppoTV7 -LORENZO FELLIN,pres. del Centro ecumenico ...

MAI PIU' GENOCIDI, L'INSEGNAMENTO DEI RAGAZZI Oggi, nel Giorno della Memoria, siamo stati tra i giovani per sentire le loro opinioni sulla Shoah e sui genocidi, piaghe della stori...

L'IMPORTANZA DI NON DIMENTICARE Siamo stati tra la gente per sapere da giovani e meno giovani se il Giorno della Memoria è celebrato in ma...

LINGUA VENETA, UN PO' DI PIU' DI UN DIALETTO Con l'approvazione in Consiglio re...