UN TAX DAY DA 27 MILIARDI PER LE IMPRESE
15/11/2016 12:10

Entro domani le imprese sono chiamate a versare all'erario 27 miliardi di euro per onorare l'Iva (contribuenti con scadenza mensile o trimestrale), le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori, le ritenute Irpef dei lavoratori autonomi, le addizionali regionali/comunali Irpef e le ritenute Irpef e Ires legate alle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico: a dirlo è l'Ufficio studi della Cgia di Mestre.

L'imposta più "pesante" sarà l'Iva: imprese e lavoratori autonomi verseranno 12,8 miliardi di euro, mentre le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori costeranno 11,5 mld. Le altre voci, invece, saranno più contenute: l'addizionale regionale Irpef e le ritenute Irpef in capo agli autonomi costeranno entrambe un miliardo, l'addizionale comunale Irpef 412 milioni e le ritenute dei bonifici per le agevolazioni fiscali Irpef collegate al risparmio energetico e alle ristrutturazioni edilizie solo 162 mln.

"Il peggio, comunque, deve ancora arrivare - segnala il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo -  il prossimo 30 novembre ci sarà un'altra scadenza da far tremare i polsi. Se le persone fisiche e le società di persone verseranno la seconda o la rata unica dell'Irpef, dell'Irap e dell'Inps, le società di capitali saranno chiamate a onorare l'Ires e l'Irap. In questa occasione l'erario incasserà altri 28 miliardi; uno in più di quanto riscuoterà domani".
"Con troppe tasse e una burocrazia che non accenna a diminuire", la Cgia fa notare che fare impresa continua ad essere sempre più difficile. "Con un fisco più semplice - rileva il Segretario della Cgia Renato Mason - anche l'Amministrazione finanziaria potrebbe lavorare meglio ed essere più efficiente nel contrastare gli evasori/elusori fiscali. La selva di leggi, decreti e circolari esplicative presenti nel nostro ordinamento tributario, invece, complica la vita anche agli operatori del fisco che, comunque, continuano ad essere uno dei settori più virtuosi della nostra Pubblica amministrazione". La Cgia rileva che nell'analisi non sono stati conteggiati i contributi previdenziali che dovranno essere versati entro domani.

 

UN TAX DAY DA 27 MILIARDI PER LE IMPRESE

Entro domani le imprese sono chiamate a versare all'erario 27 miliardi di euro per onorare l'Iva (contribuenti con scadenza mensile o trimestrale), le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori, le ritenute Irpef dei lavoratori autonomi, le addizionali regionali/comunali Irpef e le ritenute Irpef e Ires legate alle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico: a dirlo è l'Ufficio studi della Cgia di Mestre.

L'imposta più "pesante" sarà l'Iva: imprese e lavoratori autonomi verseranno 12,8 miliardi di euro, mentre le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori costeranno 11,5 mld. Le altre voci, invece, saranno più contenute: l'addizionale regionale Irpef e le ritenute Irpef in capo agli autonomi costeranno entrambe un miliardo, l'addizionale comunale Irpef 412 milioni e le ritenute dei bonifici per le agevolazioni fiscali Irpef collegate al risparmio energetico e alle ristrutturazioni edilizie solo 162 mln.

"Il peggio, comunque, deve ancora arrivare - segnala il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo -  il prossimo 30 novembre ci sarà un'altra scadenza da far tremare i polsi. Se le persone fisiche e le società di persone verseranno la seconda o la rata unica dell'Irpef, dell'Irap e dell'Inps, le società di capitali saranno chiamate a onorare l'Ires e l'Irap. In questa occasione l'erario incasserà altri 28 miliardi; uno in più di quanto riscuoterà domani".
"Con troppe tasse e una burocrazia che non accenna a diminuire", la Cgia fa notare che fare impresa continua ad essere sempre più difficile. "Con un fisco più semplice - rileva il Segretario della Cgia Renato Mason - anche l'Amministrazione finanziaria potrebbe lavorare meglio ed essere più efficiente nel contrastare gli evasori/elusori fiscali. La selva di leggi, decreti e circolari esplicative presenti nel nostro ordinamento tributario, invece, complica la vita anche agli operatori del fisco che, comunque, continuano ad essere uno dei settori più virtuosi della nostra Pubblica amministrazione". La Cgia rileva che nell'analisi non sono stati conteggiati i contributi previdenziali che dovranno essere versati entro domani.

 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
UTENZE RINCARATE NEL 2018, IL GAS SALIRA' ANCORA - Dopo un anno di continui aumenti nel costo delle utenze domestiche il 2019 ha in serbo un...

19 MILIARDI SPESI IN ATTIVITÀ ILLEGALI Son ben 19 i miliardi che gli italiani spendono all'anno in attività illegali. Si parla di una cifra enorme, corrispondente quasi ad un ...

Tra il 2010 e il 2014 l'Italia ha autorizzato esportazioni nell'Africa settentrionale e nel Medio Oriente per 4,8 miliardi di euro di armi. Dopo l'Europa - seco...

Tv7 con Voi sera del 10/11/2015 - Governo e Regioni: quali interventi per supportare la ripresa a Nordest? OSPITI: -LUIGI SPOSATO,Presidente Eurointerim spa -PAOLO ZABEO,Coord. dell'Ufficio studi del...

I segnali e anche i numeri sono positivi ma per cantare vittoria bisognerà attendere ancora. Lo dicono gli analisti della Cgia di Mestre che hanno presentato le previsioni di cres...

La CGIA di Mestre segnala una forte crescita di contratti a tempo indeterminato....

In Italia ci sono 15 milioni di unbanked. Nel 2014 la massa monetaria circolante ha sfiorato i 165 miliardi (+30% rispetto al 2008).  Nonostante l’Italia abbia il limite all’...

Nelle transazioni commerciali tra famiglie e imprese che avvengono nel nostro pa...

Ogni punto di riduzione dell’aliquota Ires consentirebbe alle società di capi...

Nell'aggiornamento del Def (Documento di Economia e Finanza) che avverrà venerdì durante il Consiglio dei ministri, Renzi ha dichiarato che la crescita sarà alzata dallo 0,7 allo 0,9%." Le cose v...