INCENDIO NEK DI MONSELICE, ARRESTATA COPPIA EX OPERAI
08/02/2017 16:33

INCENDIO NEK DI MONSELICE, ARRESTATA COPPIA EX OPERAI 

L'odio profondo è il movente di un crimine doloso che ha per attori principali una coppia marocchina e la ditta specializzata in recupero materiale plastico, Nek di Monselice. La notte tra il 4 e il 5 ottobre 2016 andò a fuoco per un danno stimato di circa 3 milioni di euro. L'azienda era al centro da tempo di contestazioni e vertenze sindacali è da questo punto che i carabinieri di Abano Terme, al comando del Maggiore Turrini sono partiti con le indagini. In manette questa mattina , prelevati dai rispettivi appartamenti un 29enne e una 35enne del Marocco. I due avevano lavorato presso la Nek, l'uomo fino al 2015 e la donna fino a maggio 2016. Mancate retribuzioni, potrebbero essere la possibile causa dell'odio covato dalla giovane marocchina nei confronti della dirigenza sia della Nek che della cooperativa appaltante Libera per cui aveva lavorato. Nei cellulari sequestrati ai due messaggi con parole in codice come fagioli al posto di pellett, o Mask l'equivalente arabo della Diavolina. Trovato inoltre un video con immagini dell'azienda e di incendi e foto dei dirigenti della Nek. Inoltre grazie ai tabulati e alle celle telfoniche si è accertato la presenza dei due nei luoghi e all'orario dell'incendio. Un grosso rischio ambientale ha corso la popolazione di Monselice già sottoposta ad altre problematiche ambientali.

INCENDIO NEK DI MONSELICE, ARRESTATA COPPIA EX OPERAI

INCENDIO NEK DI MONSELICE, ARRESTATA COPPIA EX OPERAI 

L'odio profondo è il movente di un crimine doloso che ha per attori principali una coppia marocchina e la ditta specializzata in recupero materiale plastico, Nek di Monselice. La notte tra il 4 e il 5 ottobre 2016 andò a fuoco per un danno stimato di circa 3 milioni di euro. L'azienda era al centro da tempo di contestazioni e vertenze sindacali è da questo punto che i carabinieri di Abano Terme, al comando del Maggiore Turrini sono partiti con le indagini. In manette questa mattina , prelevati dai rispettivi appartamenti un 29enne e una 35enne del Marocco. I due avevano lavorato presso la Nek, l'uomo fino al 2015 e la donna fino a maggio 2016. Mancate retribuzioni, potrebbero essere la possibile causa dell'odio covato dalla giovane marocchina nei confronti della dirigenza sia della Nek che della cooperativa appaltante Libera per cui aveva lavorato. Nei cellulari sequestrati ai due messaggi con parole in codice come fagioli al posto di pellett, o Mask l'equivalente arabo della Diavolina. Trovato inoltre un video con immagini dell'azienda e di incendi e foto dei dirigenti della Nek. Inoltre grazie ai tabulati e alle celle telfoniche si è accertato la presenza dei due nei luoghi e all'orario dell'incendio. Un grosso rischio ambientale ha corso la popolazione di Monselice già sottoposta ad altre problematiche ambientali.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
CAMPODARSEGO E GHERON SRL INSIEME PER GLI ANZIANI   Grande l'impegno dell'Amministrazione del Comune di Campodarsego, nell'Alta padovana,...

CADONEGHE: POLEMICHE SUL SERVIZIO MENSE SCOLASTICHE Non fa certo piacere trovare nel proprio piatto una larva d'insetto. E' ciò che però ...

TOMBOLO: CON TENACIA CONTRO LA GLOBALIZZAZIONE  Tombolo, nell'Alta padovana. L'impatto è quello di una realtà spenta,...

CADONEGHE, COMUNE SENSIBILE AL RANDAGISMO FELINO  Per il bene delle piccole bes...

VENETISTA PREFERISCE IL CARCERE AI SERVIZI SOCIALI  Determinato fino in fondo nel disconoscere lo Stato italiano e le s...

TITOLARE MINIMARKET, ABUSA E SFRUTTA COMMESSA  Condanna di 5 anni e 6 mesi per il titolare di un minimarket di Campodoro, Comune dell'Alta padovana. L'uomo, un 58enne, secondo la sentenza emessa in q...

Servizio di monitoraggio del territorio rafforzato nel pomeriggio di ieri e nella notte scorsa da pa...

CLOROFORMIO SOTTO L'ITALCEMENTI, AMBIENTE A RISCHIO - L'Arpav lo scorso 23 novembre ha finalmente comunicato al Comune di Monselice i livelli fuori norma di cloroformio riscontrati nelle acque sotto l...

EVENTI DI PIAZZA A BORGORICCO, COMMERCIANTI DIVISI   Indecisi sul da farsi gli esercenti del centro a Borgoricco. Le opinioni si spaccano sull'utilità degli eventi di piazza off...

"GIOVANI" PER LEGGE FORNERO,"VECCHI" PER LA NESTLE'    San Giorgio in Bosco, comune dell'Alta padovana in cui da anni opera uno dei tanti...