DA PRATO DELLA VALLE RIEMERGERA' UN TEATRO ROMANO
31/05/2017 14:33

In occasione dei duemila anni dalla morte dello storico Tito Livio, dall'inizio del mese di luglio inizieranno le operazioni per la riemersione del teatro romano, il cosiddetto Zairo, le cui strutture superstiti si trovano oggi sotto l’acqua della canaletta che circonda l’Isola Memmia. Il teatro è datato all’età augustea, ma la sua riemersione offrirà agli studiosi l’occasione di avviare studi e analisi funzionali a una migliore comprensione della struttura. Dell’antico teatro, infatti, si ignorano ancora oggi molti aspetti. Era un edificio imponente fino al XI secolo, nonostante le distruzioni subite dalla città a partire dalla tarda antichità. Da allora venne smantellato e utilizzato come cava di materiale da costruzione. Alcuni pezzi servirono addirittura per costruire il ponte di Rialto a Venezia. L’operazione vedrà agire in sinergia il Comune di Padova, l’Università di Padova e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Venezia e le Province di Belluno, Padova e Treviso. L’operazione ha importanti finalità scientifiche, ma vuole essere una grande occasione per far conoscere alla cittadinanza aspetti inediti della città. Pertanto ogni sabato mattina, a partire dall’8 luglio, saranno previste due visite guidate allo scavo: alle ore 10 e alle ore 11, con ritrovo al civico 51 di Prato della Valle.

 

DA PRATO DELLA VALLE RIEMERGERA' UN TEATRO ROMANO

In occasione dei duemila anni dalla morte dello storico Tito Livio, dall'inizio del mese di luglio inizieranno le operazioni per la riemersione del teatro romano, il cosiddetto Zairo, le cui strutture superstiti si trovano oggi sotto l’acqua della canaletta che circonda l’Isola Memmia. Il teatro è datato all’età augustea, ma la sua riemersione offrirà agli studiosi l’occasione di avviare studi e analisi funzionali a una migliore comprensione della struttura. Dell’antico teatro, infatti, si ignorano ancora oggi molti aspetti. Era un edificio imponente fino al XI secolo, nonostante le distruzioni subite dalla città a partire dalla tarda antichità. Da allora venne smantellato e utilizzato come cava di materiale da costruzione. Alcuni pezzi servirono addirittura per costruire il ponte di Rialto a Venezia. L’operazione vedrà agire in sinergia il Comune di Padova, l’Università di Padova e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Venezia e le Province di Belluno, Padova e Treviso. L’operazione ha importanti finalità scientifiche, ma vuole essere una grande occasione per far conoscere alla cittadinanza aspetti inediti della città. Pertanto ogni sabato mattina, a partire dall’8 luglio, saranno previste due visite guidate allo scavo: alle ore 10 e alle ore 11, con ritrovo al civico 51 di Prato della Valle.

 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie