SICCITA', PAN: "PRIORITA' AD ACQUEDOTTI E COLTURE"
27/07/2017 14:35

“La gestione dell’acqua deve privilegiare gli usi prioritari, quello potabile e quello irriguo, e non il profitto di società che usano la risorsa idrica per scopi diversi e rispondono unicamente agli interessi dei propri azionisti. Non è più tollerabile che la gestione della risorsa idrica sia lasciata in mano a società che tendono ad ottimizzare i ricavi anziché preoccuparsi del corretto uso di una risorsa limitata, indispensabile per la vita umana e la società civile.”. E’ la posizione assunta dalla Regione Veneto, nel confronto odierno con il ministro per l’ambiente Golletti avvenuto nella Conferenza Stato-Regioni.

Con un proprio documento la Regione Veneto, rappresentata dall’assessore all’Agricoltura e alle bonifiche e dall’assessore ai fondi comunitari, ha invitato il ministro ad intervenire per fronteggiare - a breve, media e lunga scadenza - le conseguenze delle scarse precipitazioni dello scorso inverno e primavera e dalle torride temperature di questa estate.

“Tra lo scorso ottobre e giugno 2017 le piogge in Veneto sono diminuite del 25% rispetto alla media stagionale, con punte del 33% nel bacino dell’Adige e del Po, e con effetti particolarmente drammatici anche alle foci del Brenta – ha premesso il referente per le politiche agricole e i consorzi di bonifica della Regione – per la risalita del cuneo salino. Nella sezione di Boara, ed esempio, il fiume Adige ha attualmente una portata di 25-30 metri al secondo, contro gli 80 previsti per il corretto di funzionamento della barriera anti-intrusione salina posta in prossimità della foce”.

L’amministrazione regionale ha già predisposto interventi emergenziali per oltre 7 milioni di euro ed è pronta ad emanare la quarta declaratoria di crisi idrica, protraendo così al 10 agosto lo stato emergenziale per limitare i prelievi irrigui del 50 per cento nel bacino dell’Adige e del 20% negli altri bacini – ha riassunto l’assessore veneto – ma la penuria d’acqua è aggravata dal fatto che a primavera i bacini idroelettrici che afferiscono all’asta dell’Adige erano quasi completamente vuoti, perché si è privilegiata la produzione idroelettrica rispetto ad una corretta gestione degli invasi.

“Appare sempre più urgente – ha concluso l’assessore - varare un piano nazionale di soccorso idrico, in particolare per le pianure del Nord, e realizzare importanti infrastrutture che consentano di diversificare gli approvvigionamenti idropotabili, accumulare l’acqua nei periodi piovosi, in particolare nelle zone montane, e ottimizzarne l’uso nei periodi più secchi. Il Veneto ha pronti nel cassetto 80 progetti finanziabili per avviare cantieri di interventi idraulico e di bonifica. Ma serve un patto di collaborazione tra Regioni, amministrazione statale e Unione europea – è stato l’appello finale - che privilegi l’uso idropotabile e irriguo della risorsa acqua, investa sulle strategie di contrasto ai cambiamenti climatici in atto e metta un freno alla produzione idroelettrica. Non ci interessa tutelare gli interessi di azionisti che hanno come unico obiettivo la massimizzazione dei ricavi, anziché il corretto e lungimirante uso di una risorsa che si sta rivelando fragile e non infinita. Il nostro dovere è dare una risposta duratura e sostenibile alle esigenze primarie della popolazione”.

SICCITA', PAN: "PRIORITA' AD ACQUEDOTTI E COLTURE"

“La gestione dell’acqua deve privilegiare gli usi prioritari, quello potabile e quello irriguo, e non il profitto di società che usano la risorsa idrica per scopi diversi e rispondono unicamente agli interessi dei propri azionisti. Non è più tollerabile che la gestione della risorsa idrica sia lasciata in mano a società che tendono ad ottimizzare i ricavi anziché preoccuparsi del corretto uso di una risorsa limitata, indispensabile per la vita umana e la società civile.”. E’ la posizione assunta dalla Regione Veneto, nel confronto odierno con il ministro per l’ambiente Golletti avvenuto nella Conferenza Stato-Regioni.

Con un proprio documento la Regione Veneto, rappresentata dall’assessore all’Agricoltura e alle bonifiche e dall’assessore ai fondi comunitari, ha invitato il ministro ad intervenire per fronteggiare - a breve, media e lunga scadenza - le conseguenze delle scarse precipitazioni dello scorso inverno e primavera e dalle torride temperature di questa estate.

“Tra lo scorso ottobre e giugno 2017 le piogge in Veneto sono diminuite del 25% rispetto alla media stagionale, con punte del 33% nel bacino dell’Adige e del Po, e con effetti particolarmente drammatici anche alle foci del Brenta – ha premesso il referente per le politiche agricole e i consorzi di bonifica della Regione – per la risalita del cuneo salino. Nella sezione di Boara, ed esempio, il fiume Adige ha attualmente una portata di 25-30 metri al secondo, contro gli 80 previsti per il corretto di funzionamento della barriera anti-intrusione salina posta in prossimità della foce”.

L’amministrazione regionale ha già predisposto interventi emergenziali per oltre 7 milioni di euro ed è pronta ad emanare la quarta declaratoria di crisi idrica, protraendo così al 10 agosto lo stato emergenziale per limitare i prelievi irrigui del 50 per cento nel bacino dell’Adige e del 20% negli altri bacini – ha riassunto l’assessore veneto – ma la penuria d’acqua è aggravata dal fatto che a primavera i bacini idroelettrici che afferiscono all’asta dell’Adige erano quasi completamente vuoti, perché si è privilegiata la produzione idroelettrica rispetto ad una corretta gestione degli invasi.

“Appare sempre più urgente – ha concluso l’assessore - varare un piano nazionale di soccorso idrico, in particolare per le pianure del Nord, e realizzare importanti infrastrutture che consentano di diversificare gli approvvigionamenti idropotabili, accumulare l’acqua nei periodi piovosi, in particolare nelle zone montane, e ottimizzarne l’uso nei periodi più secchi. Il Veneto ha pronti nel cassetto 80 progetti finanziabili per avviare cantieri di interventi idraulico e di bonifica. Ma serve un patto di collaborazione tra Regioni, amministrazione statale e Unione europea – è stato l’appello finale - che privilegi l’uso idropotabile e irriguo della risorsa acqua, investa sulle strategie di contrasto ai cambiamenti climatici in atto e metta un freno alla produzione idroelettrica. Non ci interessa tutelare gli interessi di azionisti che hanno come unico obiettivo la massimizzazione dei ricavi, anziché il corretto e lungimirante uso di una risorsa che si sta rivelando fragile e non infinita. Il nostro dovere è dare una risposta duratura e sostenibile alle esigenze primarie della popolazione”.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
Drammatico scontro tra bici e camion questa mattina a Villanova di Camposampiero, in Provincia di Padova. Una donna in s...

Nuovi casi di aviaria nel Vicentino e nel Padovano. L’Istituto Zooprofilattico delle Venezie ha confermato la presenza...

Anche lui ha scelto la morte assistita in una clinica in Svizzera. Loris Bertocco, 59enne veneziano di Fiesso d'Artico, aveva alle spalle anni di invalidità. A...

Una donna a bordo della sua auto è precipitata nel pomeriggio odierno all'interno del fiume Bacchiglione in località Fossaragna, frazione di Bovolenta, nel p...

I carabinieri di Padova hanno arrestato per rapina un 21enne originario del Gamb...

Eleonora Bottaro era morta di leucemia, e oggi i genitori rischiano il processo per omicidio colposo. La procura di Pad...

PD- Si è suicidato all'età di 29 anni, pare dopo un litigio con il padre, un giovane residente nel comune di Selvazzano alle porte di Pado...

Il cadavere di una donna di origini equadoregna, e' stato ritrovato in mattinata...

La Procura di Vicenza ha chiesto nella figura del Dr.Antonino Cappellari, il rinvio a giudizio di Gianni Zonin nell'ambito dello scandalo della Banca Popolare di Vicenza. Con Zonin, nella richiesta ...

Un uomo di 46 anni, alla guida di una betoniera, è morto, oggi, lungo la tangenziale di Padova per la caduta del mezzo ...

Ieri sera, nella sede della Cia provinciale, l’Assessore regionale all’Agricoltura, Giuseppe Pan, sostenitore del re...

Oggi faranno ritorno a Meolo, nel veneziano, i corpi dei tre componenti della famiglia Carrer di Me...

Il Veneto ha deciso di procedere da solo a una "drastica riduzione dei limiti" della concentrazione di Pfas nelle acque potabili". A dirlo il governatore Luca Zaia criticando aspra...

Lo sviluppo di due linee di forza del trasporto pubblico, per tutti, lungo le di...

Uccisi dalle erbe raccolte in montagna, a Folgaria, cucinate e mangiate. Marito ...

C'è un indagato per omicidio colposo plurimo per la tragedia della Solfatara a Pozzuoli dove un'int...

Un anziano di 80 anni è stato travolto questa mattina mentre attraversava la strada in via Veneto a Vigonovo, nel veneziano. L'uomo era sul...

Un focolaio di aviaria era stato registrato, la scorsa settimana, in un allevamento di oche nel padovano. Immediata, com...

Il Comune di Padova anche quest'anno aderisce alla "Settimana europea della mobilità sostenibile" promossa dalla Commissione Europea, in programma dal 16 al 22 settembre. I mezzi di trasporto sosteni...

Il Presidente del Veneto, Luca Zaia, con un proprio decreto, ha nominato il Direttore Generale dell'Arpav Nicola Dell'Acqua Coordinatore del...

PD- Si è suicidato all'età di 29 anni, pare dopo un litigio con il padre, un giovane residente nel...

Il cadavere di una donna di origini equadoregna, e' stato ritrovato in mattinata in un parcheggio nell'area ex nordera a Thiene nei pressi del Comando della Pol...

La Procura di Vicenza ha chiesto nella figura del Dr.Antonino Cappellari, il rinvio a giudizio di Gianni Zonin nell'ambito dello scandalo d...

Un uomo di 46 anni, alla guida di una betoniera, è morto, oggi, lungo la tangen...

Ieri sera, nella sede della Cia provinciale, l’Assessore regionale all’Agricoltura, Giuseppe Pan, sostenitore del referendum, e il Consigliere regionale Graziano Azzalin, contrario alla tornata re...

Un ragazzo di 15 anni, residente nel bellunese, è morto investito da un treno, nei pressi di Ponte nelle Alpi attornio alle 7.30 di questa mattina. Secondo una...

Nel bellunese si registrano in giornata, tre scosse di terremoto. La prima, la ...

Alle 10:30 di questa mattina, piazzale Roma è stato preso d'assalto e transennato degli agenti artificieri della Polizia di Stato coadiuvati dai Vigili del Fuoco. In un bidone della pattumiera accant...

BELLUNO- I vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina poco prima delle ore 11 presso il comune di Cesio Maggiore per una busta contenente della polvere. ...

- Si è insediata questa mattina a Venezia, presso palazzo Ferro Fini, sede dell’Assemblea legislativa veneta, la Comm...