MADRE E FIGLIO IN MANETTE PER USURA
07/08/2017 13:39

Usurai in manette. I carabinieri di Este, in provincia di Padova, hanno messo le manette ai polsi di due moldavi, madre e figlio, con l'accusa di usura ed estorsione continuata in concorso. I due, di 44 e 25 anni, già noti alle forze dell'ordine, sono finiti in carcere su disposizione della magistratura di di Rovigo. I fatti hanno avuto inizio nell'agosto del 2013, quando una coppia di connazionali che non riuscivano a ottenere un prestito dalle banche, si sono rivolti, ottenenedo la cifra richiesta, 10 mila euro, dai due indagati con un tasso mensile applicato del 7%. Nle 2014 la coppia vittima degli usurai ha restituito 18mila euro che, però, non sono satti giudicati sufficienti. Ha questo punto sono inziate le minacce pretendendo prima 3mila euro a febbraio del 2015, poi, 8mila a ottobre e altri 15mila a giugno del 2017. Madre e figlio hanno  fatto varie minacce alle vittime: di bruciare la loro casa, di investirli con la macchina, di rapirgli i figli. Spaventata, la coppia si è rivolta ai carabinieri che hanno svolto accertamenti ritenuti concreti dal gip di Rovigo, Monica Bombana, che ha così emesso le due misure cautelari in carcere.

MADRE E FIGLIO IN MANETTE PER USURA

Usurai in manette. I carabinieri di Este, in provincia di Padova, hanno messo le manette ai polsi di due moldavi, madre e figlio, con l'accusa di usura ed estorsione continuata in concorso. I due, di 44 e 25 anni, già noti alle forze dell'ordine, sono finiti in carcere su disposizione della magistratura di di Rovigo. I fatti hanno avuto inizio nell'agosto del 2013, quando una coppia di connazionali che non riuscivano a ottenere un prestito dalle banche, si sono rivolti, ottenenedo la cifra richiesta, 10 mila euro, dai due indagati con un tasso mensile applicato del 7%. Nle 2014 la coppia vittima degli usurai ha restituito 18mila euro che, però, non sono satti giudicati sufficienti. Ha questo punto sono inziate le minacce pretendendo prima 3mila euro a febbraio del 2015, poi, 8mila a ottobre e altri 15mila a giugno del 2017. Madre e figlio hanno  fatto varie minacce alle vittime: di bruciare la loro casa, di investirli con la macchina, di rapirgli i figli. Spaventata, la coppia si è rivolta ai carabinieri che hanno svolto accertamenti ritenuti concreti dal gip di Rovigo, Monica Bombana, che ha così emesso le due misure cautelari in carcere.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy