VACCINI; IL VENETO CONTRATTACCA IL DECRETO LORENZIN
05/09/2017 16:27

VACCINI; IL VENETO CONTRATTACCA IL DECRETO LORENZIN---La bufera legata alle vaccinazioni obbligatorie, sembra non trovare fine almeno per la Regione Veneto. Mentre tutti corrono ai ripari con autocertificazioni o richiami entro la scadenza fissata per il giorno 10 settembre per l'accesso a nidi e materne o al 31 ottobre per gli altri gradi, prosegue il braccio di ferro tra Veneto e Governo. Un braccio di ferro che vede anche la Corte Costituzionale chiamata in causa, a dover decidere sul da farsi vista la scelta di impugnare da parte del Veneto il decreto Lorenzin per poi passare in sospensiva in Consulta. Ma non solo la battaglia si è di recente estesa, oltre che a pareri medico-scientifici, anche a cavilli legali. Nel testo del decreto, i tecnici del Veneto segnalano una vistosa incongruenza, che riguarda proprio quanto espresso nella legge nazionale 119/2017, che, all’articolo 3 comma 3, recita: “…….per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell'infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie, la presentazione della documentazione di cui al comma 1 costituisce requisito di accesso”. Nel decreto i tecnici evidenziano quindi il contrasto con “quanto espresso all’articolo 3 bis che descrive le misure per l’anno scolastico 2019 dove al comma 5, recita: “Per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell'infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie, la mancata presentazione della documentazione di cui al comma 3 nei termini previsti comporta la decadenza dall'iscrizione”, ma solo a partire dall'anno scolastico 2019/2020.In Italia si dice fatta la legge trovato l'inganno e così per chi già iscritto prima della legge fino al 2019 scatta la proroga.

VACCINI; IL VENETO CONTRATTACCA IL DECRETO LORENZIN

VACCINI; IL VENETO CONTRATTACCA IL DECRETO LORENZIN---La bufera legata alle vaccinazioni obbligatorie, sembra non trovare fine almeno per la Regione Veneto. Mentre tutti corrono ai ripari con autocertificazioni o richiami entro la scadenza fissata per il giorno 10 settembre per l'accesso a nidi e materne o al 31 ottobre per gli altri gradi, prosegue il braccio di ferro tra Veneto e Governo. Un braccio di ferro che vede anche la Corte Costituzionale chiamata in causa, a dover decidere sul da farsi vista la scelta di impugnare da parte del Veneto il decreto Lorenzin per poi passare in sospensiva in Consulta. Ma non solo la battaglia si è di recente estesa, oltre che a pareri medico-scientifici, anche a cavilli legali. Nel testo del decreto, i tecnici del Veneto segnalano una vistosa incongruenza, che riguarda proprio quanto espresso nella legge nazionale 119/2017, che, all’articolo 3 comma 3, recita: “…….per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell'infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie, la presentazione della documentazione di cui al comma 1 costituisce requisito di accesso”. Nel decreto i tecnici evidenziano quindi il contrasto con “quanto espresso all’articolo 3 bis che descrive le misure per l’anno scolastico 2019 dove al comma 5, recita: “Per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell'infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie, la mancata presentazione della documentazione di cui al comma 3 nei termini previsti comporta la decadenza dall'iscrizione”, ma solo a partire dall'anno scolastico 2019/2020.In Italia si dice fatta la legge trovato l'inganno e così per chi già iscritto prima della legge fino al 2019 scatta la proroga.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy