POVERTA': IL DETTAGLIO DEI FINANZIAMENTI DEL VENETO
12/10/2017 12:03

Sono oltre 133 mila le persone in Veneto che ricevono regolarmente e in forma gratuita la spesa e altri aiuti grazie al recupero delle eccedenze alimentari della grande e media distribuzione e alla rete degli empori della solidarietà. La Regione Veneto, su proposta dell’assessore al sociale, ha rifinanziato con 490 mila euro la rete delle associazioni e dei volontari che gestisce i 16 ‘outlet’ della solidarietà sparsi nel territorio regionale. 

In testa alla classifica degli empori, con 100 mila euro di contributo regionale, c’è il Banco Alimentare di Verona, la onlus attiva dal 1989 che lo scorso anno ha distribuito 67 mila tonnellate di derrate in Veneto assistendo 495 associazioni ed enti sociali e 103 mila persone.

Seguono:

1) l’emporio solidale del Basso Piave, gestito dall’associazione San Vincenzo de Paoli di San Donà di Piave (32 mila euro);

2) l’emporio solidale di Mirano, gestito dalla cooperativa sociale Primavera (32 mila euro);

3) l’emporio “Beato Enrico” di Treviso, gestito dalla San Vincenzo de Paoli di Treviso in collaborazione con Curia, Caritas e amministrazione comunale (25 mila);

4) l’emporio “La Dispensa” di Montebelluna, gestito dagli Amici della Solidarietà di Montebelluna, specializzato nella raccolta e redistribuzione di prodotti freschi e deperibili (45 mila euro);

5) l’emporio di Verona “Don Giacomelli” gestito dall’associazione San Zeno (23 mila euro);

6) la “Casa del Colle” gestito dalla Caritas diocesana veronese (23 mila euro);

7) l’emporio di Villafranca “Il Tione” gestito dall’associazione Il Giracose di Nogarole Rocca (Vr) (12 mila euro);

8) l’emporio di San Martino Buonalbergo, gestito dall’associazione Casa di Martino (23 mila euro);

9) l’emporio in allestimento a Porto Tolle, gestito dall’associazione Solidarietà Delta (30 mila euro);

10) l’emporio di Cittadella, gestito dall’associazione emporio solidale Medio Brenta in collaborazione con la parrocchia del Duomo (30 mila euro);

11) l’emporio di Chioggia gestito dall’associazione Carità Clodiense (25 mila euro);

12) l’emporio di Treviso gestito dall’associazione Veneti schiacciati dalla crisi e sostenuto anche dai contributi dei telespettatori di Rete Veneta (30 mila euro);

13) l’emporio solidale di Vittorio Veneto, di nuovo avvio, gestito dall’associazione San Vincenzo de Paoli (20 mila euro);

14) l’ emporio solidale di Venezia, di nuovo avvio, gestito dall’associazione Corte del Forner (20 mila euro);

15) l’emporio della solidarietà di Mestre, anch’esso di nuovo avvio, gestito dalla fondazione casa dell’Ospitalità (20 mila euro)

POVERTA': IL DETTAGLIO DEI FINANZIAMENTI DEL VENETO

Sono oltre 133 mila le persone in Veneto che ricevono regolarmente e in forma gratuita la spesa e altri aiuti grazie al recupero delle eccedenze alimentari della grande e media distribuzione e alla rete degli empori della solidarietà. La Regione Veneto, su proposta dell’assessore al sociale, ha rifinanziato con 490 mila euro la rete delle associazioni e dei volontari che gestisce i 16 ‘outlet’ della solidarietà sparsi nel territorio regionale. 

In testa alla classifica degli empori, con 100 mila euro di contributo regionale, c’è il Banco Alimentare di Verona, la onlus attiva dal 1989 che lo scorso anno ha distribuito 67 mila tonnellate di derrate in Veneto assistendo 495 associazioni ed enti sociali e 103 mila persone.

Seguono:

1) l’emporio solidale del Basso Piave, gestito dall’associazione San Vincenzo de Paoli di San Donà di Piave (32 mila euro);

2) l’emporio solidale di Mirano, gestito dalla cooperativa sociale Primavera (32 mila euro);

3) l’emporio “Beato Enrico” di Treviso, gestito dalla San Vincenzo de Paoli di Treviso in collaborazione con Curia, Caritas e amministrazione comunale (25 mila);

4) l’emporio “La Dispensa” di Montebelluna, gestito dagli Amici della Solidarietà di Montebelluna, specializzato nella raccolta e redistribuzione di prodotti freschi e deperibili (45 mila euro);

5) l’emporio di Verona “Don Giacomelli” gestito dall’associazione San Zeno (23 mila euro);

6) la “Casa del Colle” gestito dalla Caritas diocesana veronese (23 mila euro);

7) l’emporio di Villafranca “Il Tione” gestito dall’associazione Il Giracose di Nogarole Rocca (Vr) (12 mila euro);

8) l’emporio di San Martino Buonalbergo, gestito dall’associazione Casa di Martino (23 mila euro);

9) l’emporio in allestimento a Porto Tolle, gestito dall’associazione Solidarietà Delta (30 mila euro);

10) l’emporio di Cittadella, gestito dall’associazione emporio solidale Medio Brenta in collaborazione con la parrocchia del Duomo (30 mila euro);

11) l’emporio di Chioggia gestito dall’associazione Carità Clodiense (25 mila euro);

12) l’emporio di Treviso gestito dall’associazione Veneti schiacciati dalla crisi e sostenuto anche dai contributi dei telespettatori di Rete Veneta (30 mila euro);

13) l’emporio solidale di Vittorio Veneto, di nuovo avvio, gestito dall’associazione San Vincenzo de Paoli (20 mila euro);

14) l’ emporio solidale di Venezia, di nuovo avvio, gestito dall’associazione Corte del Forner (20 mila euro);

15) l’emporio della solidarietà di Mestre, anch’esso di nuovo avvio, gestito dalla fondazione casa dell’Ospitalità (20 mila euro)

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
Grande partecipazione a “La Doganessa” la festa provinciale delle Lega Nord di Venezia. Una due giorni a Scorzè che...

"Avrei voluto che fosse il mio Paese, l'Italia, a garantirmi la possibilità di morire dignitosamente, senza dolore, accompagnato con serenità per quanto possibile. Invece devo ce...

Anche lui ha scelto la morte assistita in una clinica in Svizzera. Loris Bertocco, 59enne veneziano di Fiesso d'Artico, aveva alle spalle anni di invalidità. All'età di 19 anni e...

L' emergenza cinghiali non si limita più ai danni causati alle colture agricole, ma ormai si è trasformata in una problematica di sicurezz...

Focus su vino e olio, due prodotti trainanti dell'economia veneta. Entrambi i settori hanno registrato per quest'annata produzione in calo ma qualità aumentata. I dettagli nell'intervista a Giuseppe...

OPEN-DAY DELLE FATTORIE DIDATTICHE Si terrà domenica la quindicesima edizione della "Giornata aperta delle Fattorie Didattiche" che si pot...

I cinghiali continuano a distruggere i raccolti degli agricoltori del Parco Colli Euganei. Molti gli esemplari abbattuti dall'inizio del 2017 sulla base dei dat...

Sono molte le paure dei veneti... timori vissuti anche in maniera colelttiva che se amplificati diventano delle vere e proprie psicosi. Nel ...

"Il referendum del Veneto non sarà come quello della Catalogna, noi siamo nella legalità". A sottolinearlo il governatore Luca Zaia. Nel s...

"E' una situazione folle quella che si presenta nelle carceri padovane in primis...