MESTRE-MARGHERA, CONTROLLI A TAPPETO DELL'ARMA
24/10/2017 14:41

Ancora risultati dei Carabinieri della Compagnia di Mestre nell’azione di contrasto ai fenomeni di criminalità diffusa con specifica attenzione ai reati di spaccio di stupefacenti in tutta la giurisdizione ed in particolare presso le aree verdi della città e nel quartiere “Piave”.

I servizi coordinati effettuati in particolare nelle aree più sensibili di Mestre (ma anche di terraferma e Marghera) con l’effettuazione di diversi controlli di numerose pattuglie sia in uniforme che in abiti “borghesi”, anche con il supporto delle unità della Compagnia di Intervento Operativo del 4° Battaglione CC “Veneto” hanno portato innanzitutto alla denuncia in stato di libertà di un ventenne veneziano, controllato e trovato in possesso di un notevole quantitativo di stupefacente.

Il giovane, controllato da una pattuglia dopo essere stato notato gettare a terra qualcosa alla sua vista, veniva trovato in possesso di uno spinello di Marijuana e di quasi 70 grammi di medesima sostanza in sei confezioni pronte alla cessione. Il ragazzo si portava appresso anche due grossi “sassi” di Hashish per dieci grammi in totale, nonché bilancino di precisione e 225 euro, considerato provento delle cessioni.

La successiva e doverosa perquisizione domiciliare nella vicina abitazione permetteva di rinvenire altri tre involucri contenenti quasi 30 grammi di marijuana.

Il giovane veniva quindi accompagnato in caserma e denunciato in stato di libertà per possesso ai fini di spaccio, con il sequestro di tutto lo stupefacente e del materiale rinvenuto.

Altra denuncia veniva spiccata a carico di un uomo, 38nne di origini abruzzesi, ma domiciliato a Mira. L’insospettabile informatico viene controllato e trovato in possesso di 2 grammi di Eroina, che salgono a oltre i dieci se sommati con quella trovata, anche in questo caso dopo la perquisizione, in abitazione, insieme a due flaconi di metadone e l’immancabile bilancino.

Oltre al sequestro, in questo caso si attende l’esito delle analisi per stabilire se l’ eroina sequestrata abbia un principio attivo elevato da poter risultare letale.

A corollario di questo specifico intervento, i militari in campo hanno setacciato tutte le vie del quartiere e controllato decine di soggetti sospetti presumibilmente dediti all’attività di spaccio, denunciando in stato di libertà:

  • quattro automobilisti per guida in stato di ebrezza, ai quali si aggiunge una donna della Riviera del Brenta, la quale – manifestatamente ubriaca tanto da non tenere la strada alla guida dell’auto – si rifiutava di sottoporsi all’accertamento, incorrendo così nella più grave sanzione e nel sequestro dell’auto. Cinque quindi le patenti saltate in totale;
  • due persone tossicodipendenti, italiana la prima e un rumeno il secondo, controllati a Mestre in via Felisiati e risultati inottemperanti alla misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di dimora nel comune di Venezia.

Oltre allo stupefacente sequestrato agli spacciatori il personale operante rinveniva durante le operazioni di controllo, grazie alla segnalazione di un residente, cinque grammi di Marijuana abbandonata in una cassetta postale privata in via Castelli a Marghera, probabilmente proprio per disfarsene e non essere colti sul fatto.

Il dispositivo di controllo del territorio, rafforzato anche per aumentare il livello di prevenzione e contrasto ai reati in genere, verrà ulteriormente intensificato nei prossimi giorni in tutto l’entroterra mestrino. 

MESTRE-MARGHERA, CONTROLLI A TAPPETO DELL'ARMA

Ancora risultati dei Carabinieri della Compagnia di Mestre nell’azione di contrasto ai fenomeni di criminalità diffusa con specifica attenzione ai reati di spaccio di stupefacenti in tutta la giurisdizione ed in particolare presso le aree verdi della città e nel quartiere “Piave”.

I servizi coordinati effettuati in particolare nelle aree più sensibili di Mestre (ma anche di terraferma e Marghera) con l’effettuazione di diversi controlli di numerose pattuglie sia in uniforme che in abiti “borghesi”, anche con il supporto delle unità della Compagnia di Intervento Operativo del 4° Battaglione CC “Veneto” hanno portato innanzitutto alla denuncia in stato di libertà di un ventenne veneziano, controllato e trovato in possesso di un notevole quantitativo di stupefacente.

Il giovane, controllato da una pattuglia dopo essere stato notato gettare a terra qualcosa alla sua vista, veniva trovato in possesso di uno spinello di Marijuana e di quasi 70 grammi di medesima sostanza in sei confezioni pronte alla cessione. Il ragazzo si portava appresso anche due grossi “sassi” di Hashish per dieci grammi in totale, nonché bilancino di precisione e 225 euro, considerato provento delle cessioni.

La successiva e doverosa perquisizione domiciliare nella vicina abitazione permetteva di rinvenire altri tre involucri contenenti quasi 30 grammi di marijuana.

Il giovane veniva quindi accompagnato in caserma e denunciato in stato di libertà per possesso ai fini di spaccio, con il sequestro di tutto lo stupefacente e del materiale rinvenuto.

Altra denuncia veniva spiccata a carico di un uomo, 38nne di origini abruzzesi, ma domiciliato a Mira. L’insospettabile informatico viene controllato e trovato in possesso di 2 grammi di Eroina, che salgono a oltre i dieci se sommati con quella trovata, anche in questo caso dopo la perquisizione, in abitazione, insieme a due flaconi di metadone e l’immancabile bilancino.

Oltre al sequestro, in questo caso si attende l’esito delle analisi per stabilire se l’ eroina sequestrata abbia un principio attivo elevato da poter risultare letale.

A corollario di questo specifico intervento, i militari in campo hanno setacciato tutte le vie del quartiere e controllato decine di soggetti sospetti presumibilmente dediti all’attività di spaccio, denunciando in stato di libertà:

  • quattro automobilisti per guida in stato di ebrezza, ai quali si aggiunge una donna della Riviera del Brenta, la quale – manifestatamente ubriaca tanto da non tenere la strada alla guida dell’auto – si rifiutava di sottoporsi all’accertamento, incorrendo così nella più grave sanzione e nel sequestro dell’auto. Cinque quindi le patenti saltate in totale;
  • due persone tossicodipendenti, italiana la prima e un rumeno il secondo, controllati a Mestre in via Felisiati e risultati inottemperanti alla misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di dimora nel comune di Venezia.

Oltre allo stupefacente sequestrato agli spacciatori il personale operante rinveniva durante le operazioni di controllo, grazie alla segnalazione di un residente, cinque grammi di Marijuana abbandonata in una cassetta postale privata in via Castelli a Marghera, probabilmente proprio per disfarsene e non essere colti sul fatto.

Il dispositivo di controllo del territorio, rafforzato anche per aumentare il livello di prevenzione e contrasto ai reati in genere, verrà ulteriormente intensificato nei prossimi giorni in tutto l’entroterra mestrino. 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy