PROSTITUZIONE E SCHIAVITU': LA DENUNCIA A VENEZIA
09/11/2017 17:01

Cinque arresti per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, favoreggiamento della prostituzione e riduzione in schiavitù da parte della Squadra Mobile di Venezia. E' stata la denuncia di una ragazza nigeriana, fuggita ai suoi sequestratori che la costringevano a prostituirsi, dopo aver subito violenze e minacce nel viaggio dalla Nigeria all'Italia passando per la Libia, a portare i poliziotti lagunari ad arrestare quattro sue connazionali e un italiano, ex marito di una di queste. La giovane è stata vista lo scorso marzo girare malconcia per Marghera dagli operatori dei servizi Sociali del Comune di Venezia. Una volta soccorsa la donna è stata convinta a denunciare i suoi sfruttatori.

La giovane ha così riferito di essere stata avvicinata nel suo villaggio, in Nigeria, da una conoscente che le ha prospettato un lavoro come commessa nel negozio di una parente. Ma una volta giunta in Libia la donna ha abbandonato la 19enne dicendole che aveva solo il denaro del viaggio per sé, consegnandola di fatto a dei trafficanti di uomini che hanno abusato sessualmente di lei per 15 giorni. La vittima ha poi rincontrato la connazionale in un altro luogo della Libia che l'ha portata a Lampedusa. Trasferita al Cie di Bologna la ragazza è stata fatta fuggire da un'altra nigeriana e condotta in un appartamento a Ferrara dove è stata sottoposta ad un rito wudu e obbligata a prostituirsi con altre tre ragazze. Il denaro incassato sulla 'strada' doveva essere consegnato alla sfruttatrice alla quale ognuna delle donne doveva dare mensilmente 700 euro per vitto e alloggio, oltre a dover rimborsare 25 mila euro sostenute, a suo dire, per le spese del viaggio in Italia. Nei mesi di segregazione le giovani sono state trasferite più volte in case di varie località, l'ultima a Mira da dove la 19enne riuscita a fuggire.

PROSTITUZIONE E SCHIAVITU': LA DENUNCIA A VENEZIA

Cinque arresti per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, favoreggiamento della prostituzione e riduzione in schiavitù da parte della Squadra Mobile di Venezia. E' stata la denuncia di una ragazza nigeriana, fuggita ai suoi sequestratori che la costringevano a prostituirsi, dopo aver subito violenze e minacce nel viaggio dalla Nigeria all'Italia passando per la Libia, a portare i poliziotti lagunari ad arrestare quattro sue connazionali e un italiano, ex marito di una di queste. La giovane è stata vista lo scorso marzo girare malconcia per Marghera dagli operatori dei servizi Sociali del Comune di Venezia. Una volta soccorsa la donna è stata convinta a denunciare i suoi sfruttatori.

La giovane ha così riferito di essere stata avvicinata nel suo villaggio, in Nigeria, da una conoscente che le ha prospettato un lavoro come commessa nel negozio di una parente. Ma una volta giunta in Libia la donna ha abbandonato la 19enne dicendole che aveva solo il denaro del viaggio per sé, consegnandola di fatto a dei trafficanti di uomini che hanno abusato sessualmente di lei per 15 giorni. La vittima ha poi rincontrato la connazionale in un altro luogo della Libia che l'ha portata a Lampedusa. Trasferita al Cie di Bologna la ragazza è stata fatta fuggire da un'altra nigeriana e condotta in un appartamento a Ferrara dove è stata sottoposta ad un rito wudu e obbligata a prostituirsi con altre tre ragazze. Il denaro incassato sulla 'strada' doveva essere consegnato alla sfruttatrice alla quale ognuna delle donne doveva dare mensilmente 700 euro per vitto e alloggio, oltre a dover rimborsare 25 mila euro sostenute, a suo dire, per le spese del viaggio in Italia. Nei mesi di segregazione le giovani sono state trasferite più volte in case di varie località, l'ultima a Mira da dove la 19enne riuscita a fuggire.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
PIOVE DI SACCO, INCENDIO IN UNA CASA DISABITATA - Alle 5:45 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti in via IV Novembre a Piove di Sacco per il pr...

SI FERISCE CON UN COLTELLO, PAURA PER UN LAVORATORE - Momenti di paura ieri pomeriggio in un’azienda di Cittadella che si occupa di macellazione di carni. Un uomo di 34 anni orig...

SERGIO GIORDANI: "CORONAVIRUS, VIETATO RILASSARSI" - “Non smetterò mai di ripeterlo, serve prudenza perché il virus non è scomparso, dire il contrario non ...

SCOMPARSO, TAM TAM SUI SOCIAL PER RITROVARE PAOLO - Apprensione a Padova per le sorti di un uomo di 58 anni di cui non si hanno più notizie...

PUSHER IN FUGA AGGREDISCONO GLI AGENTI: ARRESTATI - Sono stati arrestati con le accuse di spaccio, resistenza e lesioni ...

Incidente mortale questa mattina in via Vigonovese, all’altezza della rampa ch...

LE SCUOLE IN VENETO RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE: ECCO IL CALENDARIO REGIONALE - Le scuole in Veneto apriranno il 14 settembre; l’ultima campa...

ZANARDI TRASFERITO IN TERAPIA INTENSIVA - Alex Zanardi è stato trasferito in te...

SCHIANTO FATALE IN A4, CODE CHILOMETRICHE - Nel pomeriggio due tamponamenti sono avvenuti in A4 in direzione Trieste. Nel primo, avvenuto fra San Donà di Piave e San Stino di Livenza, il conducente d...

ONLINE IL NUOVO SITO DI ASCOM SERVIZI PADOVA - È online il nuovo portale di Ascom servizi Padova: un punto di riferimento per le migliaia d...

I carabinieri di Camposampiero hanno arresto in Flagranza di reato un giovane commerciante di 26 anni residente a Loreggia ma originario del...

COMMEMORAZIONE FUNEBRE AL PARCO FENICE: I PARTECIPANTI DEVONO SOTTOPORSI AL TAMPONE - Sabato 4 luglio scorso si è svolt...

MINACCIA DI GETTARSI DAL TRALICCIO, SALVATO DAI CARABINIERI - Tragedia sfiorata la notte scorsa a Chiesanuova. Verso le 23 di ieri sera un uomo di 62 anni è salito su un traliccio...

UFFICIALE, ELECTION DAY 20 E 21 SETTEMBRE - "Confermo che il Veneto andrà all'e...

CAMERIERE SENZA MASCHERINA: BAR DEL GHETTO CHIUSO 5 GIORNI - Un altro bar di Padova chiuso per l'inosservanza delle regole di contenimento del Coronavirus. Nell...

DALLA LITE AL BAR SPUNTA IL COLTELLO: UN FERITO - Dal parapiglia al bar spunta fuori la lama, e uno degli avventori finisce accoltellato al petto. Il fatto è avvenuto a Cadoneghe giovedì sera, dove ...

AMAZON NON TROVA DIPENDENTI - Si avvicina l'apertura del centro logistico di Castelguglielmo ma il colosso americano Amazon fatica a trovare la manodopera di cu...

CALCINACCI SUL MARCIAPIEDE IN RIVIERA PONTI ROMANI - Questa mattina, intorno alle ore 11.30, due squadre dei Vigili del Fuoco sono intervenute nella centralissima Riviera dei Ponti...

COPERTURA ARMONIE - Il Sindaco di Padova Sergio Giordani, il Direttore Generale dell’Azienda-Ospedaliera di Padova Luc...

CELLULARI ALLA GUIDA, BOOM DI SANZIONI A PADOVA - La Polizia di Stato ha pianificato a livello nazionale, con il Servizio Polizia Stradale, l’attività di controllo, con servizi definiti di “alto ...

SCACCIAVA CIMICI, GIOVANE PRECIPITA DAL TERZO PIANO Tragedia sabato pomeriggio ...

Il Centro Operativo della Dia di Padova e la Sezione Operativa della Dia di Lecce hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di Brind...

Un albanese di 51 anni, dipendente di un'azienda di autotrasporti padovana, è morto in un incidente...

Sarebbe stato acquistato in un'azienda del Padovano il tallio che Mattia Del Zotto, il giovane di Nova Milanese arrestato dai carabinieri, a...

Sono riusciti nell'intento di rapinare 18 mila euro alla banca Antonveneta di Torreglia e a seminare il panico tra dipendenti e clienti dell'istituto di credito presi in ostaggio, ...

Sarà il tribunale di sorveglianza di Padova a decidere sulla richiesta della procura di una restrizione della libertà vigilata o il trasferimento in una 'casa...

E' un ivoriano di 35 anni, richiedente asilo in Italia, il migrante travolto e ucciso da un'auto mentre era in bicicletta. Faceva parte di un gruppo di 150 migr...

La Polizia di Padova ha sequestrato 59 chili di eroina in un appartamento nel cuore della città e ha arrestato due cittadini albanesi. Un duro colpo alle organizzazioni criminali...

Una studentessa di un istituto superiore veneziano si è presentata in classe stamane con un ferita d'arma da taglio ad una mano mano, raccontando di essere sta...

Si è conclusa nella tarda serata di ieri una importante operazione antidroga de...