"I TRULLI" SOTTO INDAGINE DELLA DIA
19/12/2017 16:03

"I TRULLI" SOTTO INDAGINE DELLA DIA--La Direzione Investigativa Antimafia di Padova su mandato del Tribunale di Brindisi, ha posto sotto sequestro una porzione della “Barchessa di Villa Molin” a Padova e le quote di capitale sociale dell'esercizio commerciale “I Trulli Srl” con sede presso il “Salone” storica realtà del centro padovano. L'ammontare del valore complessivo del sequestro è di oltre 2,5 milioni di euro, riconducibili ad un noto imprenditore di origini pugliesi da anni residente in Veneto. Contestata la provenienza delle disponibilità economiche, all'imprenditore e alla moglie a cui è intestata la Barchessa, soldi utilizzati per l'avvio dell'azienda e l'acquisto dell'immobile. Riaffiora inoltre dalle carte della DIA, il debito pagato in passato con la giustizia dall'imprenditore, coinvolto nel contrabbando sia di tabacchi che nel traffico di stupefacenti durante gli anni 80' e 90'. Bocche cucite presso il Salone tra i colleghi dell'imprenditore, chi per rispetto delle indagini, chi pare per non immischiarsi in una vicenda poco chiara. Qualcuno, sempre a microfono spento, commenta stupito per la lunga attesa del provvedimento, lasciando intendere che tutti sapevano ma nessuno interveniva. Calunnie tra rivali nel commercio o diffusa miopia? Compito degli inquirenti fugare ogni dubbio.

"I TRULLI" SOTTO INDAGINE DELLA DIA

"I TRULLI" SOTTO INDAGINE DELLA DIA--La Direzione Investigativa Antimafia di Padova su mandato del Tribunale di Brindisi, ha posto sotto sequestro una porzione della “Barchessa di Villa Molin” a Padova e le quote di capitale sociale dell'esercizio commerciale “I Trulli Srl” con sede presso il “Salone” storica realtà del centro padovano. L'ammontare del valore complessivo del sequestro è di oltre 2,5 milioni di euro, riconducibili ad un noto imprenditore di origini pugliesi da anni residente in Veneto. Contestata la provenienza delle disponibilità economiche, all'imprenditore e alla moglie a cui è intestata la Barchessa, soldi utilizzati per l'avvio dell'azienda e l'acquisto dell'immobile. Riaffiora inoltre dalle carte della DIA, il debito pagato in passato con la giustizia dall'imprenditore, coinvolto nel contrabbando sia di tabacchi che nel traffico di stupefacenti durante gli anni 80' e 90'. Bocche cucite presso il Salone tra i colleghi dell'imprenditore, chi per rispetto delle indagini, chi pare per non immischiarsi in una vicenda poco chiara. Qualcuno, sempre a microfono spento, commenta stupito per la lunga attesa del provvedimento, lasciando intendere che tutti sapevano ma nessuno interveniva. Calunnie tra rivali nel commercio o diffusa miopia? Compito degli inquirenti fugare ogni dubbio.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy