ORAFO UCCISO: 20 ANNI DOPO, INDAGATI ANCHE A PADOVA
08/01/2018 16:36

ORAFO UCCISO: 20 ANNI DOPO, INDAGATI ANCHE A PADOVA. La procura della Repubblica di Mantova ha iscritto nel registro degli indagati cinque persone facenti capo ad una famiglia di giostrai di origine sinta e residenti a Vicenza e a Busiago di Campo San Martino, in provincia di Padova. Tutti sono ritenuti a vario titolo responsabili, in concorso tra di loro, di duplice omicidio volontario. Ne dà notizia oggi il comando provinciale di Mantova in un comunicato. 
I cinque sarebbero ritenuti coinvolti nella tentata rapina in una gioielleria avvenuta a Suzzara, nel Mantovano, il 19 dicembre 1996 che costò la vita al gioiellerie Gabriele Mora e ad uno dei rapinatori, ferito dall'orafo e abbandonato dai complici, durante una rocambolesca fuga, davanti all'ospedale di Thiene (Vicenza). Il procuratore della Repubblica Manuela Fasolato e il sostituto Alberto Sergi hanno richiesto l'emissione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i cinque indagati. Il caso, riferiscono i carabinieri, "ha trovato nuovo impulso a seguito di dichiarazioni rese all'autorità giudiziaria tra la fine del 2014 e il 2015 da uno dei componenti della famiglia Dori di Vicenza, risultato estraneo al fatto criminoso di Suzzara". 
Ad occuparsi delle nuove indagini sono stati i carabinieri del nucleo investigativo di Mantova, comandato dal colonnello Fabio Federici e dallo stesso procuratore capo. Gli investigatori definiscono "spietati" nel loro agire i rapinatori, "legati da vincoli di parentela, abili, in un primo momento ad evitare frequenza nei rapporti" per intralciare il lavoro di ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri. 

ORAFO UCCISO: 20 ANNI DOPO, INDAGATI ANCHE A PADOVA

ORAFO UCCISO: 20 ANNI DOPO, INDAGATI ANCHE A PADOVA. La procura della Repubblica di Mantova ha iscritto nel registro degli indagati cinque persone facenti capo ad una famiglia di giostrai di origine sinta e residenti a Vicenza e a Busiago di Campo San Martino, in provincia di Padova. Tutti sono ritenuti a vario titolo responsabili, in concorso tra di loro, di duplice omicidio volontario. Ne dà notizia oggi il comando provinciale di Mantova in un comunicato. 
I cinque sarebbero ritenuti coinvolti nella tentata rapina in una gioielleria avvenuta a Suzzara, nel Mantovano, il 19 dicembre 1996 che costò la vita al gioiellerie Gabriele Mora e ad uno dei rapinatori, ferito dall'orafo e abbandonato dai complici, durante una rocambolesca fuga, davanti all'ospedale di Thiene (Vicenza). Il procuratore della Repubblica Manuela Fasolato e il sostituto Alberto Sergi hanno richiesto l'emissione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i cinque indagati. Il caso, riferiscono i carabinieri, "ha trovato nuovo impulso a seguito di dichiarazioni rese all'autorità giudiziaria tra la fine del 2014 e il 2015 da uno dei componenti della famiglia Dori di Vicenza, risultato estraneo al fatto criminoso di Suzzara". 
Ad occuparsi delle nuove indagini sono stati i carabinieri del nucleo investigativo di Mantova, comandato dal colonnello Fabio Federici e dallo stesso procuratore capo. Gli investigatori definiscono "spietati" nel loro agire i rapinatori, "legati da vincoli di parentela, abili, in un primo momento ad evitare frequenza nei rapporti" per intralciare il lavoro di ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri. 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
CAMPO SAN MARTINO:NUOVE OPERE PUBBLICHE IN SINERGIA --- Lavori realizzati in col...

PADOVA-BASSANO,URGE STRADA SICURA E COMPETITIVA --- Da oltre dieci anni i Sindaci dei comuni dell'Alta padovana attendono risposte per un serio e moderno collegamento viario tra Pa...

1230 ARRESTI NEL 2017: IL BILANCIO DEI CARABINIERI. Tempo di bilanci anche al Comando Provinciale dei Carabinieri, con l'avvicinarsi della f...

Verona | Il gup ha deciso per la scarcerazione dell’uomo che è accusato di aver accoltellato un connazionale dopo una lite. Preso per il...

Verona | Arrestato a Madrid con un blitz da parte delle forze speciali iberiche...

Verona | Arrestato il fratello Salvatore per l’omicidio di Corradina Mirabile. Il fatto risale al 2015 quando la donna, era stata abbando...

Verona | Domani sera, su Canale 5, andrà in onda l’intervista di Maurizio Costanzo a Pietro Maso...

Verona | Sull'assassinio di via Legnago, convalidato il fermo del cittadino portoghese per omicidio. La custodia cautel...

Verona | Uno screzio banale e la lite vira in una rabbia cieca e violenta. Fatal...

Un uomo di 65 anni, Paolo Chiarioni, di Santa Maria Maddalena di Occhiobello (Rovigo), ha ucciso la madre e poi si è suicidato. Il fatto è avvenuto nel primo pomeriggio nella casa dove madre e figli...