COCAINA DAL SUD AMERICA, 17 ARRESTI
13/03/2018 13:13

Nelle prime ore della mattinata odierna, il Nucleo di polizia economico-finanziaria di Venezia ha eseguito diversi provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità giudiziaria di Venezia nei confronti di 17 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti con l’aggravante, per alcuni, dell’agevolazione mafiosa, nonché di riciclaggio.

I provvedimenti, emessi a seguito delle indagini svolte dai finanzieri del Nucleo di Venezia e dirette da questa Procura Distrettuale Antimafia, hanno riguardato la custodia cautelare in carcere per 11 soggetti e, per i restanti 6, gli arresti domiciliari e l’obbligo di dimora.

Alcune misure sono state eseguite all’estero, e in particolare in Slovacchia, in attuazione del mandato di arresto europeo, che ha consentito l’arresto di Antonino Vadalà, grazie alla fattiva e preziosa collaborazione di Eurojust, della magistratura e della polizia slovacca, che in tempi brevissimi sono riusciti ad eseguire quanto richiesto in contemporanea con l’attività svolta nel nostro Paese, dimostrando alta capacità di collaborazione con questa Procura Distrettuale.

Vadalà è indagato nel procedimento penale veneziano per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio e autoriciclaggio, per aver creato unitamente ad altri componenti del sodalizio dei canali commerciali leciti da utilizzare per l’importazione di sostanze stupefacenti dal Sudamerica e gestito singole operazioni di importazione finanziandone l’acquisto per il tramite di società a lui riconducibili.

Sono in corso le perquisizioni domiciliari in Veneto, Lombardia e Calabria nei confronti di ulteriori 16 soggetti coinvolti a vario titolo nel traffico illecito.

L’indagine, diretta da questa Procura e durata diversi anni, ha consentito di disarticolare un’organizzazione criminale organizzata di matrice ‘ndranghetista operante in Veneto, dedita all’importazione di ingenti quantitativi di cocaina dal Sud America ed alla successiva immissione in consumo nel territorio italiano, con il conseguente riciclaggio dei relativi proventi illeciti.

COCAINA DAL SUD AMERICA, 17 ARRESTI

Nelle prime ore della mattinata odierna, il Nucleo di polizia economico-finanziaria di Venezia ha eseguito diversi provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità giudiziaria di Venezia nei confronti di 17 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti con l’aggravante, per alcuni, dell’agevolazione mafiosa, nonché di riciclaggio.

I provvedimenti, emessi a seguito delle indagini svolte dai finanzieri del Nucleo di Venezia e dirette da questa Procura Distrettuale Antimafia, hanno riguardato la custodia cautelare in carcere per 11 soggetti e, per i restanti 6, gli arresti domiciliari e l’obbligo di dimora.

Alcune misure sono state eseguite all’estero, e in particolare in Slovacchia, in attuazione del mandato di arresto europeo, che ha consentito l’arresto di Antonino Vadalà, grazie alla fattiva e preziosa collaborazione di Eurojust, della magistratura e della polizia slovacca, che in tempi brevissimi sono riusciti ad eseguire quanto richiesto in contemporanea con l’attività svolta nel nostro Paese, dimostrando alta capacità di collaborazione con questa Procura Distrettuale.

Vadalà è indagato nel procedimento penale veneziano per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio e autoriciclaggio, per aver creato unitamente ad altri componenti del sodalizio dei canali commerciali leciti da utilizzare per l’importazione di sostanze stupefacenti dal Sudamerica e gestito singole operazioni di importazione finanziandone l’acquisto per il tramite di società a lui riconducibili.

Sono in corso le perquisizioni domiciliari in Veneto, Lombardia e Calabria nei confronti di ulteriori 16 soggetti coinvolti a vario titolo nel traffico illecito.

L’indagine, diretta da questa Procura e durata diversi anni, ha consentito di disarticolare un’organizzazione criminale organizzata di matrice ‘ndranghetista operante in Veneto, dedita all’importazione di ingenti quantitativi di cocaina dal Sud America ed alla successiva immissione in consumo nel territorio italiano, con il conseguente riciclaggio dei relativi proventi illeciti.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie