ROGO GRENFELL TOWER, I PANNELLI ERANO INFIAMMABILI
16/04/2018 15:41

 Il rogo alla Grenfell Tower di Londra, il grattacielo popolare devastato l'anno scorso da un incendio che uccise oltre 80 persone tra cui i due giovani veneti, Gloria Trevisan e Marco Gottardi, avrebbe avuto "scarse opportunità" di dilagare se la società di gestione scelta dall'amministrazione locale di quartiere non avesse fatto installare pannelli isolanti rivelatisi poi infiammabili.

Lo denuncia un rapporto indipendente trapelato oggi sui media. I famigerati pannelli esterni, ordinati a basso costo, vennero applicati sulle facciate dell'edificio tra il 2014 e il 2016. E secondo il rapporto - visto in anteprima dall'Evening Standard - furono con ogni probabilità decisivi nel permettere al fuoco, divampato inizialmente in un singolo appartamento a causa di un elettrodomestico difettoso, di avvolgere gran parte della torre in una sorta di inferno di cristallo, intrappolando senza scampo decine di inquilini fra cui due giovani italiani.

I lavori vennero eseguiti in violazione di specifiche norme di sicurezza, si legge nel rapporto preparato dagli esperti della BRE Global e allegato al fascicolo d'indagine della polizia. E si conclusero meno di un anno prima della fatale notte della strage, datata 14 giugno 2017. Stando alla cifre ufficiali diffuse alla fine da Scotland Yard, nel disastro perirono in totale 87 persone, mentre una settantina rimasero ferite. Nel rapporto degli esperti della BRE Global sono state individuate inoltre "deficienze" nella qualità degli infissi delle finestre, sulle chiusure delle porte - incluse quelle anti-incendio - e in generale nella scelta dei materiali usati per il restauro.

 

ROGO GRENFELL TOWER, I PANNELLI ERANO INFIAMMABILI

 Il rogo alla Grenfell Tower di Londra, il grattacielo popolare devastato l'anno scorso da un incendio che uccise oltre 80 persone tra cui i due giovani veneti, Gloria Trevisan e Marco Gottardi, avrebbe avuto "scarse opportunità" di dilagare se la società di gestione scelta dall'amministrazione locale di quartiere non avesse fatto installare pannelli isolanti rivelatisi poi infiammabili.

Lo denuncia un rapporto indipendente trapelato oggi sui media. I famigerati pannelli esterni, ordinati a basso costo, vennero applicati sulle facciate dell'edificio tra il 2014 e il 2016. E secondo il rapporto - visto in anteprima dall'Evening Standard - furono con ogni probabilità decisivi nel permettere al fuoco, divampato inizialmente in un singolo appartamento a causa di un elettrodomestico difettoso, di avvolgere gran parte della torre in una sorta di inferno di cristallo, intrappolando senza scampo decine di inquilini fra cui due giovani italiani.

I lavori vennero eseguiti in violazione di specifiche norme di sicurezza, si legge nel rapporto preparato dagli esperti della BRE Global e allegato al fascicolo d'indagine della polizia. E si conclusero meno di un anno prima della fatale notte della strage, datata 14 giugno 2017. Stando alla cifre ufficiali diffuse alla fine da Scotland Yard, nel disastro perirono in totale 87 persone, mentre una settantina rimasero ferite. Nel rapporto degli esperti della BRE Global sono state individuate inoltre "deficienze" nella qualità degli infissi delle finestre, sulle chiusure delle porte - incluse quelle anti-incendio - e in generale nella scelta dei materiali usati per il restauro.

 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie