SPISAL,788 AZIENDE IRREGOLARI NEL PADOVANO NEL 2017
16/05/2018 16:30

Torna alta, dopo la tragedia delle Acciaierie Venete di Padova, l'attenzione sul tema prevenzione infortuni sul lavoro. Sono circa una 30ina i morti in questi primi mesi 2018 in Veneto. Lo Spisal, Servizio Prevenzione, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro, ente di vigilanza dell'Ulss 6 Euganea, ha registrato nel 2016 nella provincia padovana 6.200 infortuni pari al 18% degli oltre 34.000 del Veneto. Nel 2017 a contrasto del fenomeno lo Spisal ha controllato 2.406 aziende, 875 cantieri, 177 aziende agricole. Inoltre ha effettuato 219 inchieste per infortuni sul lavoro e per malattie professionali. Ha sanzionato, 788 aziende risultate irregolari, per l'ammontare di 757.336 €. Parte di questi soldi sono resi dalla Regione alle Ulss del territorio che li reinvestono in attività di sostegno alle imprese e nei confronti dei lavoratori in ambito di salute e sicurezza. Tre fondamentalmente i settori a rischio; Edilizia, Agricoltura e Industria, in cui troppo spesso si verificano decessi per schiacciamento, amputazioni o folgorazione. In ambito edile si è inoltre tristemente scoperto il proliferare di lavoratori a partita IVA, così da esimere il datore di lavoro dai costi della formazione e sorveglianza sanitaria per i propri dipendenti.

SPISAL,788 AZIENDE IRREGOLARI NEL PADOVANO NEL 2017

Torna alta, dopo la tragedia delle Acciaierie Venete di Padova, l'attenzione sul tema prevenzione infortuni sul lavoro. Sono circa una 30ina i morti in questi primi mesi 2018 in Veneto. Lo Spisal, Servizio Prevenzione, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro, ente di vigilanza dell'Ulss 6 Euganea, ha registrato nel 2016 nella provincia padovana 6.200 infortuni pari al 18% degli oltre 34.000 del Veneto. Nel 2017 a contrasto del fenomeno lo Spisal ha controllato 2.406 aziende, 875 cantieri, 177 aziende agricole. Inoltre ha effettuato 219 inchieste per infortuni sul lavoro e per malattie professionali. Ha sanzionato, 788 aziende risultate irregolari, per l'ammontare di 757.336 €. Parte di questi soldi sono resi dalla Regione alle Ulss del territorio che li reinvestono in attività di sostegno alle imprese e nei confronti dei lavoratori in ambito di salute e sicurezza. Tre fondamentalmente i settori a rischio; Edilizia, Agricoltura e Industria, in cui troppo spesso si verificano decessi per schiacciamento, amputazioni o folgorazione. In ambito edile si è inoltre tristemente scoperto il proliferare di lavoratori a partita IVA, così da esimere il datore di lavoro dai costi della formazione e sorveglianza sanitaria per i propri dipendenti.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie