I CONCERTI DEL GIUGNO ANTONIANO:"MEMORIE IN MUSICA"
14/06/2018 15:00
Da domani cominciano i concerti del cartellone del Giugno Antoniano, sempre molto apprezzati dal pubblico della tradizionale kermesse tra cultura e spiritualità in onore di sant’Antonio. Nei quattro appuntamenti, tutti a ingresso libero fino a esaurimento posti, si spazierà dalla musica sacra al rock, dal canto gregoriano al canto a cappella. Diverse anche le location in città: al Santo, all’Oratorio di San Giorgio, nella Chiesa di San Francesco Grande e, tempo permettendo, nel sagrato della Basilica di Sant’Antonio. A inaugurare gli appuntamenti musicali sarà venerdì 15 giugno alle 20.45 in Basilica del Santo Memorie in musica, concerto d’organo e voci in memoria di padre Bernardino Rizzi (1871-1968), artista di eccezionale temperamento musicale e dalla potenza descrittiva non comune, nel 50° anniversario della morte. Verranno eseguite cinque composizioni per canto del grande compositore e frate minore conventuale e il Trittico della Trinità, composto all’organo dei Frari di Venezia. È in quest’ultima opera che emerge la grandezza del suo genio, unito alla profondità teologica e mistica. Pagine talvolta soffuse di grazia, di incanto descrittivo, di ricchezza di colori, di potenza e splendore. All’organo il maestro Cristina Antonini, organista e compositrice. Perfezionatasi alle Accademie di Siena, Haarlem, Pistoia e a Roma e già insegnante ai Conservatori di Rovigo e Vicenza, è stata la prima interprete dei lavori organistici di Bernardino Rizzi, eseguiti in vari Paesi europei. Con lei si esibiranno il soprano Giulia Pattaro, che ha interpretato diversi ruoli da solista nel campo del melodramma in importanti teatri e in repertori di musica da camera, tra cui il Wiener Saal del Mozarteum di Salisburgo, il Malibran di Venezia, l’Olimpico di Vicenza; il tenore Eddy Manfroi, che accanto agli studi di canto, si è addentrato nello studio della teologia, specializzandosi sul rapporto tra musica e spiritualità, interesse che esprime nell’interpretazione dei canti sacri; il basso Miguel Sommaggio, che ha partecipato con ruoli solistici in vari spettacoli, quali Traviata, Tosca, Rigoletto, e collabora come solista con importanti formazioni corali venete. Il concerto è organizzato dal Centro Studi Antoniani ed è a ingresso libero. I CONCERTI DELLA PROSSIMA SETTIMANA Decisamente particolare la serata tra musica e arte Urbs Picta al Santo – Affreschi e canti medievali di mercoledì 20 giugno alle 21.00 nell’Oratorio di San Giorgio. Accanto alla presentazione della candidatura Unesco dei cicli padovani ad affresco del Trecento, a cura di Giorgio Andrian, Manlio Leo Mezzacasa illustrerà gli affreschi di Altichiero nell’oratorio di San Giorgio. Con intermezzi di canti medievali eseguiti dalla Schola Psallite sapienter del Seminario del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova. Direttore Letizia Butterin. Nel programma musicale, canti gregoriani, brani dalle Cantigas di Alfonso X E’l Sabio’, brani dal Liibre Vermell de Montserrat. Introduce la presidente della Veneranda Arca del Santo con delega al patrimonio artistico, Giovanna Baldissin Molli. Il concerto è organizzato dalla Veneranda Arca e dal Museo Antoniano. Giovedì 21 giugno, sempre alle 21.00, nella Chiesa di San Francesco Grande (via S. Francesco 118), il coro Gli Antenori diretto dal maestro Francesco Valandro proporrà il concerto a cappella Una serata antoniana, con repertorio prevalentemente basato sulla musica sacra con arrangiamenti più contemporanei. Il programma è vario e comprende al suo interno musica antica, contemporanea e alcune composizioni originali, ripercorrendo i due anni dell’attività canora di questo complesso a cappella composto da studenti dell’Università di Padova tra i 20 e i 25 anni, uniti dalla passione per il canto e da un profondo legame di amicizia. Alla costante ricerca di un repertorio eclettico negli stili e nei gusti musicali, il coro Gli Antenori è diretto dal maestro Francesco Valandro, diplomato in pianoforte al conservatorio Cesare Pollini di Padova, arrangiatore dei brani eseguiti dal coro e compositore. Molti coristi vantano una formazione musicale coltivata nelle scuole patavine, come il Coro Tre Pini diretto dal maestro Gianni Malatesta, e al conservatorio di Padova Pollini; da ciò scaturisce la totale indipendenza e autonomia nella scelta del repertorio e nel lavoro di adattamento delle parti. Sarà una serata all'insegna della buona musica, senza disdegnare quel pizzico di goliardia tipica degli studenti universitari. Evento clou del Giugno Antoniano sarà infine il concerto-testimonianza della rock band The Sun, intitolato Ogni benedetto giorno che si terrà venerdì 22 giugno alle 21.30 nel sagrato del Santo (in caso di maltempo l’evento verrà trasferito in basilica). Evoluzione artistica dei vicentini Sun Eats Hours, nati nel 1997, la formazione dei The Sun è composta da Francesco Lorenzi (autore, cantante e chitarrista), Riccardo Rossi (batterista), Matteo Reghelin (bassista), Gianluca Menegozzo (chitarrista). Prima ancora di siglare un accordo con la major discografica Sony Music, la band aveva già all’attivo quattro album autoprodotti e distribuiti in Europa, Giappone e Brasile da varie etichette indipendenti (in particolare da Rude Records) ed era stata supporter di band internazionali del calibro di The Cure, The Offspring, Misfits, Muse, Ok Go, NOFX, Ska P, Afi, Pennywise, The Vandals e, più di recente, dei Deep Purple. È del 2004 il riconoscimento al M.E.I. come “miglior punk rock band italiana nel mondo”.
I CONCERTI DEL GIUGNO ANTONIANO:"MEMORIE IN MUSICA" Da domani cominciano i concerti del cartellone del Giugno Antoniano, sempre molto apprezzati dal pubblico della tradizionale kermesse tra cultura e spiritualità in onore di sant’Antonio. Nei quattro appuntamenti, tutti a ingresso libero fino a esaurimento posti, si spazierà dalla musica sacra al rock, dal canto gregoriano al canto a cappella. Diverse anche le location in città: al Santo, all’Oratorio di San Giorgio, nella Chiesa di San Francesco Grande e, tempo permettendo, nel sagrato della Basilica di Sant’Antonio. A inaugurare gli appuntamenti musicali sarà venerdì 15 giugno alle 20.45 in Basilica del Santo Memorie in musica, concerto d’organo e voci in memoria di padre Bernardino Rizzi (1871-1968), artista di eccezionale temperamento musicale e dalla potenza descrittiva non comune, nel 50° anniversario della morte. Verranno eseguite cinque composizioni per canto del grande compositore e frate minore conventuale e il Trittico della Trinità, composto all’organo dei Frari di Venezia. È in quest’ultima opera che emerge la grandezza del suo genio, unito alla profondità teologica e mistica. Pagine talvolta soffuse di grazia, di incanto descrittivo, di ricchezza di colori, di potenza e splendore. All’organo il maestro Cristina Antonini, organista e compositrice. Perfezionatasi alle Accademie di Siena, Haarlem, Pistoia e a Roma e già insegnante ai Conservatori di Rovigo e Vicenza, è stata la prima interprete dei lavori organistici di Bernardino Rizzi, eseguiti in vari Paesi europei. Con lei si esibiranno il soprano Giulia Pattaro, che ha interpretato diversi ruoli da solista nel campo del melodramma in importanti teatri e in repertori di musica da camera, tra cui il Wiener Saal del Mozarteum di Salisburgo, il Malibran di Venezia, l’Olimpico di Vicenza; il tenore Eddy Manfroi, che accanto agli studi di canto, si è addentrato nello studio della teologia, specializzandosi sul rapporto tra musica e spiritualità, interesse che esprime nell’interpretazione dei canti sacri; il basso Miguel Sommaggio, che ha partecipato con ruoli solistici in vari spettacoli, quali Traviata, Tosca, Rigoletto, e collabora come solista con importanti formazioni corali venete. Il concerto è organizzato dal Centro Studi Antoniani ed è a ingresso libero. I CONCERTI DELLA PROSSIMA SETTIMANA Decisamente particolare la serata tra musica e arte Urbs Picta al Santo – Affreschi e canti medievali di mercoledì 20 giugno alle 21.00 nell’Oratorio di San Giorgio. Accanto alla presentazione della candidatura Unesco dei cicli padovani ad affresco del Trecento, a cura di Giorgio Andrian, Manlio Leo Mezzacasa illustrerà gli affreschi di Altichiero nell’oratorio di San Giorgio. Con intermezzi di canti medievali eseguiti dalla Schola Psallite sapienter del Seminario del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova. Direttore Letizia Butterin. Nel programma musicale, canti gregoriani, brani dalle Cantigas di Alfonso X E’l Sabio’, brani dal Liibre Vermell de Montserrat. Introduce la presidente della Veneranda Arca del Santo con delega al patrimonio artistico, Giovanna Baldissin Molli. Il concerto è organizzato dalla Veneranda Arca e dal Museo Antoniano. Giovedì 21 giugno, sempre alle 21.00, nella Chiesa di San Francesco Grande (via S. Francesco 118), il coro Gli Antenori diretto dal maestro Francesco Valandro proporrà il concerto a cappella Una serata antoniana, con repertorio prevalentemente basato sulla musica sacra con arrangiamenti più contemporanei. Il programma è vario e comprende al suo interno musica antica, contemporanea e alcune composizioni originali, ripercorrendo i due anni dell’attività canora di questo complesso a cappella composto da studenti dell’Università di Padova tra i 20 e i 25 anni, uniti dalla passione per il canto e da un profondo legame di amicizia. Alla costante ricerca di un repertorio eclettico negli stili e nei gusti musicali, il coro Gli Antenori è diretto dal maestro Francesco Valandro, diplomato in pianoforte al conservatorio Cesare Pollini di Padova, arrangiatore dei brani eseguiti dal coro e compositore. Molti coristi vantano una formazione musicale coltivata nelle scuole patavine, come il Coro Tre Pini diretto dal maestro Gianni Malatesta, e al conservatorio di Padova Pollini; da ciò scaturisce la totale indipendenza e autonomia nella scelta del repertorio e nel lavoro di adattamento delle parti. Sarà una serata all'insegna della buona musica, senza disdegnare quel pizzico di goliardia tipica degli studenti universitari. Evento clou del Giugno Antoniano sarà infine il concerto-testimonianza della rock band The Sun, intitolato Ogni benedetto giorno che si terrà venerdì 22 giugno alle 21.30 nel sagrato del Santo (in caso di maltempo l’evento verrà trasferito in basilica). Evoluzione artistica dei vicentini Sun Eats Hours, nati nel 1997, la formazione dei The Sun è composta da Francesco Lorenzi (autore, cantante e chitarrista), Riccardo Rossi (batterista), Matteo Reghelin (bassista), Gianluca Menegozzo (chitarrista). Prima ancora di siglare un accordo con la major discografica Sony Music, la band aveva già all’attivo quattro album autoprodotti e distribuiti in Europa, Giappone e Brasile da varie etichette indipendenti (in particolare da Rude Records) ed era stata supporter di band internazionali del calibro di The Cure, The Offspring, Misfits, Muse, Ok Go, NOFX, Ska P, Afi, Pennywise, The Vandals e, più di recente, dei Deep Purple. È del 2004 il riconoscimento al M.E.I. come “miglior punk rock band italiana nel mondo”.
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie