GRANDE GUERRA; A PADOVA LA MEDAGLIA D'ORO
19/09/2018 17:22

Il Consiglio regionale del Veneto ha deciso, con voto unanime, di conferire una medaglia d'oro al merito alla città di Padova dove, tra l'altro il 3 novembre del 1918, con entrata in vigore il 4, a Villa Giusti venne firmato l'armistizio con l'Austria-Ungheria. Il conferimento a Padova della medaglia d'oro al merito è legato all'attività di sanità pubblica ovvero per quanto fatto nel campo didattico e assistenziale durante la Grande Guerra. "L'approvazione all'unanimità della Mozione - rileva Claudio Sinigaglia (Pd) -, di cui sono primo firmatario, sottoscritta da tutto il Gruppo consiliare Pd, e poi, trasversalmente, da altri colleghi" rientra "nell'ambito delle celebrazioni per il Centenario della fine del conflitto. Credo - rileva - che questo sia un riconoscimento doveroso. Negli anni del conflitto, Padova assunse infatti il ruolo di 'città ospedale': vennero ricoverati e assistiti complessivamente 170mila feriti, provenienti soprattutto dai fronti del Vicentino, del Trentino e del Carso, e allestiti migliaia di posti letto, fino a 14mila, dislocati tra gli ospedali di Santa Giustina, Santa Croce, scuola Selvatico, Civile, Seminario, scuola Ardigò, scuola Arria, Reggia Carrarese, Istituto Camerini Rossi e Fatebenefratelli".

GRANDE GUERRA; A PADOVA LA MEDAGLIA D'ORO

Il Consiglio regionale del Veneto ha deciso, con voto unanime, di conferire una medaglia d'oro al merito alla città di Padova dove, tra l'altro il 3 novembre del 1918, con entrata in vigore il 4, a Villa Giusti venne firmato l'armistizio con l'Austria-Ungheria. Il conferimento a Padova della medaglia d'oro al merito è legato all'attività di sanità pubblica ovvero per quanto fatto nel campo didattico e assistenziale durante la Grande Guerra. "L'approvazione all'unanimità della Mozione - rileva Claudio Sinigaglia (Pd) -, di cui sono primo firmatario, sottoscritta da tutto il Gruppo consiliare Pd, e poi, trasversalmente, da altri colleghi" rientra "nell'ambito delle celebrazioni per il Centenario della fine del conflitto. Credo - rileva - che questo sia un riconoscimento doveroso. Negli anni del conflitto, Padova assunse infatti il ruolo di 'città ospedale': vennero ricoverati e assistiti complessivamente 170mila feriti, provenienti soprattutto dai fronti del Vicentino, del Trentino e del Carso, e allestiti migliaia di posti letto, fino a 14mila, dislocati tra gli ospedali di Santa Giustina, Santa Croce, scuola Selvatico, Civile, Seminario, scuola Ardigò, scuola Arria, Reggia Carrarese, Istituto Camerini Rossi e Fatebenefratelli".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy