INFORTUNIO SUL LAVORO,IMPREDITORE AGRICOLO NEI GUAI
19/09/2018 12:55

Nel pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Mestrino (PD) venivano inviati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Padova, in Veggiano (PD) dove si segnalava un infortunio sul lavoro all’interno di un’azienda agricola.  Giunti sul posto i carabinieri trovavano i sanitari del 118 che avevano soccorso un marocchino, 35enne, irregolare, che aveva riportato delle lesioni e, identificavano il titolare dell’azienda, B.S., un 69enne del luogo. Mentre in un primo momento il titolare dell’azienda riferiva di non conoscere lo straniero, quest’ultimo informava, invece, gli operanti che da circa 8 anni presta attività lavorativa nell’impresa agricola percependo un salario pari a 5 euro l’ora. Lo stesso riferiva, inoltre, di essere caduto mentre scendeva da una scala metallica dopo che, per tutto il pomeriggio, assieme al datore di lavoro, era stato impegnato per la costruzione di una tettoia da utilizzare per riparare il fieno dagli agenti atmosferici. Dopo la caduta, nonostante il dolore, l’imprenditore aveva cercato di convincerlo a non ricorrere alle cure sanitarie per non fare emergere il rapporto di lavoro in nero, prospettandogli che a seguito dell’eventuale intervento dei carabinieri sarebbe “andato in prigione” poiché irregolare sul territorio italiano. Per contro l’infortunato, come asserito dall’impresario, gli aveva prospettato che avrebbe riferito ai sanitari di essere caduto da una bicicletta, in cambio della cifra di 500 euro per nascondere l’illecito rapporto di lavoro. Messo di fronte all’evidenza, il 69enne, italiano, che aveva alterato lo stato dei luoghi spostando la scala in argomento, cambiava la propria versione ammettendo che gli eventi si erano verificati come lo straniero aveva dichiarato.Trasportato presso l’Ospedale civile di Padova, il nordafricano veniva curato e dimesso con una prognosi di 15 giorni s.c. Per tali ragioni, i carabinieri raccolti tutti gli elementi probatori, le dichiarazioni della vittima, quelle dei sanitari intervenuti per primi sul posto e quelle del titolare dell’azienda, procedevano alla denuncia in stato di libertà di quest’ultimo responsabile di aver impiagato alle sue dipendenze uno straniero privo del permesso di soggiorno. Allo stesso modo, il nordafricano A.A. 35enne, è stato denunciato in stato di libertà per ingresso illegale nel territorio dello Stato Italiano. Dei fatti saranno, inoltre, informati lo SPISAL di Padova per la verifica di eventuali carenze per quanto riguarda la sicurezza sul luogo di lavoro e l’Ispettorato Provinciale del Lavoro, per la verifica e il conteggio dei contributi di cui è stato omesso il versamento.

INFORTUNIO SUL LAVORO,IMPREDITORE AGRICOLO NEI GUAI

Nel pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Mestrino (PD) venivano inviati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Padova, in Veggiano (PD) dove si segnalava un infortunio sul lavoro all’interno di un’azienda agricola.  Giunti sul posto i carabinieri trovavano i sanitari del 118 che avevano soccorso un marocchino, 35enne, irregolare, che aveva riportato delle lesioni e, identificavano il titolare dell’azienda, B.S., un 69enne del luogo. Mentre in un primo momento il titolare dell’azienda riferiva di non conoscere lo straniero, quest’ultimo informava, invece, gli operanti che da circa 8 anni presta attività lavorativa nell’impresa agricola percependo un salario pari a 5 euro l’ora. Lo stesso riferiva, inoltre, di essere caduto mentre scendeva da una scala metallica dopo che, per tutto il pomeriggio, assieme al datore di lavoro, era stato impegnato per la costruzione di una tettoia da utilizzare per riparare il fieno dagli agenti atmosferici. Dopo la caduta, nonostante il dolore, l’imprenditore aveva cercato di convincerlo a non ricorrere alle cure sanitarie per non fare emergere il rapporto di lavoro in nero, prospettandogli che a seguito dell’eventuale intervento dei carabinieri sarebbe “andato in prigione” poiché irregolare sul territorio italiano. Per contro l’infortunato, come asserito dall’impresario, gli aveva prospettato che avrebbe riferito ai sanitari di essere caduto da una bicicletta, in cambio della cifra di 500 euro per nascondere l’illecito rapporto di lavoro. Messo di fronte all’evidenza, il 69enne, italiano, che aveva alterato lo stato dei luoghi spostando la scala in argomento, cambiava la propria versione ammettendo che gli eventi si erano verificati come lo straniero aveva dichiarato.Trasportato presso l’Ospedale civile di Padova, il nordafricano veniva curato e dimesso con una prognosi di 15 giorni s.c. Per tali ragioni, i carabinieri raccolti tutti gli elementi probatori, le dichiarazioni della vittima, quelle dei sanitari intervenuti per primi sul posto e quelle del titolare dell’azienda, procedevano alla denuncia in stato di libertà di quest’ultimo responsabile di aver impiagato alle sue dipendenze uno straniero privo del permesso di soggiorno. Allo stesso modo, il nordafricano A.A. 35enne, è stato denunciato in stato di libertà per ingresso illegale nel territorio dello Stato Italiano. Dei fatti saranno, inoltre, informati lo SPISAL di Padova per la verifica di eventuali carenze per quanto riguarda la sicurezza sul luogo di lavoro e l’Ispettorato Provinciale del Lavoro, per la verifica e il conteggio dei contributi di cui è stato omesso il versamento.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie