LA GDF SEQUESTRA 220.000 LITRI DI SPUMANTE FALSO
11/10/2018 10:58

Sequestrati dalla guardia di Finanza di Treviso ad un'azienda vinicola della Marca 200 mila litri di vino spumante che riportava in etichetta la produzione italiana, ma che invece era stato preparato con uve extra Ue, in violazione della normativa comunitaria. Al titolare della cantina è stata comminata una multa di 240 mila euro. Le 'fiamme gialle' hanno infatti analizzato le operazioni di elaborazione svolte dalla cantina, anche attraverso l'esame della contabilità industriale, appurando che 114.700 bottiglie di spumante pronto per la vendita, erano state ottenute con vini provenienti dall'Est Europa, derivanti da 17 lotti differenti, ancorché la produzione, come riportato in etichetta, avvenisse in Italia. Le bottiglie sono state sequestrate assieme ad altri 111.500 litri di vino sfuso, in corso di lavorazione nell'ambito della cosiddetta seconda fermentazione con l'aggiunta di vino non comunitario. Il ministero delle Politiche agricole e alimentari ha disposto che il prodotto sotto sequestro, non essendo commercializzabile, sia utilizzato per la produzione di aceto destinato a fini industriali. L'intervento dei finanzieri ha evitato che fossero messe in commercio oltre 260 mila bottiglie di vino spumante, per un valore di 800.000 euro, destinato alla grande distribuzione sia in Italia che all'estero.

LA GDF SEQUESTRA 220.000 LITRI DI SPUMANTE FALSO

Sequestrati dalla guardia di Finanza di Treviso ad un'azienda vinicola della Marca 200 mila litri di vino spumante che riportava in etichetta la produzione italiana, ma che invece era stato preparato con uve extra Ue, in violazione della normativa comunitaria. Al titolare della cantina è stata comminata una multa di 240 mila euro. Le 'fiamme gialle' hanno infatti analizzato le operazioni di elaborazione svolte dalla cantina, anche attraverso l'esame della contabilità industriale, appurando che 114.700 bottiglie di spumante pronto per la vendita, erano state ottenute con vini provenienti dall'Est Europa, derivanti da 17 lotti differenti, ancorché la produzione, come riportato in etichetta, avvenisse in Italia. Le bottiglie sono state sequestrate assieme ad altri 111.500 litri di vino sfuso, in corso di lavorazione nell'ambito della cosiddetta seconda fermentazione con l'aggiunta di vino non comunitario. Il ministero delle Politiche agricole e alimentari ha disposto che il prodotto sotto sequestro, non essendo commercializzabile, sia utilizzato per la produzione di aceto destinato a fini industriali. L'intervento dei finanzieri ha evitato che fossero messe in commercio oltre 260 mila bottiglie di vino spumante, per un valore di 800.000 euro, destinato alla grande distribuzione sia in Italia che all'estero.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie