UCCIDONO CANE, CONDANNATI PADRONE E VETERINARIO
11/10/2018 16:33

Il proprietario di un cane da caccia, un pensionato 92enne, e un veterinario padovano sono stati condannati dal Tribunale di Rovigo per aver ucciso l'animale. Lo rende noto L'Enpa che attraverso l'avvocato Claudia Ricci si era costituito parte civile nel procedimento. "E' una decisione rilevante - sottolinea sul Corriere del Veneto il legale - perchè sancisce un principio importantissimo. Un veterinario non può accettare passivamente le richieste di una persona di uccidere un cane senza prima aver svolto tutti gli accertamenti di legge sullo stato di salute dell'animale, altrimenti non solo tradisce il suo lavoro ma commette un reato". La vicenda di Rocki, un incrocio Drahthaar (cane da ferma) di colore nero e di tre anni, inizia nel 2015, nove mesi dopo l'acquisto da parte del padrone. L'uomo, stanco di averlo con se', lo fa salire sulla sua auto e lo getta dal finestrino in corsa, allontanandosi per non essere visto. Rocki viene raccolto zoppicante da una donna che lo porta al canile dove, grazie al microchip, si risale al padrone a cui l'animale viene riconsegnato. L'anziano non desiste e dopo pochi giorni riesce a farlo sopprimere dal veterinario. Proprio la donna che lo aveva salvato, racconta ai Carabinieri la fine del cane, facendo scattare le denunce.

UCCIDONO CANE, CONDANNATI PADRONE E VETERINARIO

Il proprietario di un cane da caccia, un pensionato 92enne, e un veterinario padovano sono stati condannati dal Tribunale di Rovigo per aver ucciso l'animale. Lo rende noto L'Enpa che attraverso l'avvocato Claudia Ricci si era costituito parte civile nel procedimento. "E' una decisione rilevante - sottolinea sul Corriere del Veneto il legale - perchè sancisce un principio importantissimo. Un veterinario non può accettare passivamente le richieste di una persona di uccidere un cane senza prima aver svolto tutti gli accertamenti di legge sullo stato di salute dell'animale, altrimenti non solo tradisce il suo lavoro ma commette un reato". La vicenda di Rocki, un incrocio Drahthaar (cane da ferma) di colore nero e di tre anni, inizia nel 2015, nove mesi dopo l'acquisto da parte del padrone. L'uomo, stanco di averlo con se', lo fa salire sulla sua auto e lo getta dal finestrino in corsa, allontanandosi per non essere visto. Rocki viene raccolto zoppicante da una donna che lo porta al canile dove, grazie al microchip, si risale al padrone a cui l'animale viene riconsegnato. L'anziano non desiste e dopo pochi giorni riesce a farlo sopprimere dal veterinario. Proprio la donna che lo aveva salvato, racconta ai Carabinieri la fine del cane, facendo scattare le denunce.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie