FRODE FISCALE: MAXI OPERAZIONE GDF, 200 INDAGATI
25/07/2019 11:49

FRODE FISCALE: MAXI OPERAZIONE DELLA GDF , OLTRE 200 INDAGATI

I Militari del Comando Provinciale di Padova e di oltre 70 Reparti della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione a oltre 200 decreti di perquisizione e sequestro in relazione ad un'indagine riguardante una frode fiscale perpetrata, anche tramite l'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, da un Organismo di Ricerca che opera nella provincia di Padova, al fine di beneficiare di indebiti crediti d'imposta connessi alla realizzazione di progetti ricerca.
Oltre 200 gli indagati, interessati dalle operazioni della polizia giudiziaria eseguite in 38 province italiane (Alessandria, Ancona, Arezzo, Bari, Belluno, Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Como, Cuneo, Fermo, Frosinone, Gorizia, Lucca, Macerata, Mantova, Milano, Modena, Napoli, Padova, Pavia, Perugia, Pistoia, Pordenone, Prato, Reggio Emilia, Roma, Rovigo, Salerno, Torino, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza) in qualità di amministratori, rappresentanti legali e consulenti di altrettante società, protagoniste della frode o beneficiarie dei crediti d'imposta non spettanti. 
L'operazione è frutto di una complessa azione investigativa, diretta dalla Procura della Repubblica patavina e condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Padova attraverso numerose attività d'indagine protrattasi nellarco di due anni, che ha consentito di individuare un'associazione per delinquere, composta dagli amministratori e dal consulente di un network di società padovane, finalizzata alla illecita fruizione di agevolazioni fiscali riconosciute dallo Stato a fronte di investimenti in ricerca scientifica.
Tali agevolazioni fiscali consistono in un credito dimposta (originariamente nella misura del 90%, poi ridotta al 50% a partire dal 2015) a favore delle società che avessero sostenuto costi o finanziato progetti di ricerca in Università ovvero in Enti pubblici di ricerca. Accanto ai soggetti istituzionalmente preposti a tale scopo, la norma considerava soggetti finanziabili anche i cd. Organismi di Ricerca, vale a dire soggetti che svolgono, senza scopo di lucro, attività di ricerca di base, di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale, diffondendone i risultati mediante l'insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento di tecnologie.
I molteplici elementi probatori raccolti nel corso delle indagini di polizia giudiziaria e nelle fasi iniziali nel corso di una verifica fiscale effettuata da funzionari Settore Contrasto Illeciti della Divisione Contribuenti dellAgenzia delle Entrate hanno consentito di accertare che la società capogruppo, spendendo la propria qualifica di Organismo di Ricerca accreditato, tradendo la ratio della normativa nonché interpretando un ruolo meramente strumentale, abbia fatto ottenere ai propri committenti, attraverso la falsa fatturazione di servizi di ricerca e sviluppo, il diritto di vantare nei confronti dellErario crediti dimposta non spettanti, in alcuni casi oggetto di compensazioni con altri tributi, per un importo attualmente quantificato in oltre 45 milioni di Euro

FRODE FISCALE: MAXI OPERAZIONE GDF, 200 INDAGATI

FRODE FISCALE: MAXI OPERAZIONE DELLA GDF , OLTRE 200 INDAGATI

I Militari del Comando Provinciale di Padova e di oltre 70 Reparti della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione a oltre 200 decreti di perquisizione e sequestro in relazione ad un'indagine riguardante una frode fiscale perpetrata, anche tramite l'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, da un Organismo di Ricerca che opera nella provincia di Padova, al fine di beneficiare di indebiti crediti d'imposta connessi alla realizzazione di progetti ricerca.
Oltre 200 gli indagati, interessati dalle operazioni della polizia giudiziaria eseguite in 38 province italiane (Alessandria, Ancona, Arezzo, Bari, Belluno, Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Como, Cuneo, Fermo, Frosinone, Gorizia, Lucca, Macerata, Mantova, Milano, Modena, Napoli, Padova, Pavia, Perugia, Pistoia, Pordenone, Prato, Reggio Emilia, Roma, Rovigo, Salerno, Torino, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza) in qualità di amministratori, rappresentanti legali e consulenti di altrettante società, protagoniste della frode o beneficiarie dei crediti d'imposta non spettanti. 
L'operazione è frutto di una complessa azione investigativa, diretta dalla Procura della Repubblica patavina e condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Padova attraverso numerose attività d'indagine protrattasi nellarco di due anni, che ha consentito di individuare un'associazione per delinquere, composta dagli amministratori e dal consulente di un network di società padovane, finalizzata alla illecita fruizione di agevolazioni fiscali riconosciute dallo Stato a fronte di investimenti in ricerca scientifica.
Tali agevolazioni fiscali consistono in un credito dimposta (originariamente nella misura del 90%, poi ridotta al 50% a partire dal 2015) a favore delle società che avessero sostenuto costi o finanziato progetti di ricerca in Università ovvero in Enti pubblici di ricerca. Accanto ai soggetti istituzionalmente preposti a tale scopo, la norma considerava soggetti finanziabili anche i cd. Organismi di Ricerca, vale a dire soggetti che svolgono, senza scopo di lucro, attività di ricerca di base, di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale, diffondendone i risultati mediante l'insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento di tecnologie.
I molteplici elementi probatori raccolti nel corso delle indagini di polizia giudiziaria e nelle fasi iniziali nel corso di una verifica fiscale effettuata da funzionari Settore Contrasto Illeciti della Divisione Contribuenti dellAgenzia delle Entrate hanno consentito di accertare che la società capogruppo, spendendo la propria qualifica di Organismo di Ricerca accreditato, tradendo la ratio della normativa nonché interpretando un ruolo meramente strumentale, abbia fatto ottenere ai propri committenti, attraverso la falsa fatturazione di servizi di ricerca e sviluppo, il diritto di vantare nei confronti dellErario crediti dimposta non spettanti, in alcuni casi oggetto di compensazioni con altri tributi, per un importo attualmente quantificato in oltre 45 milioni di Euro

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy