AYCHA: UN SENSO DI IMPOTENZA PERVADE CADONEGHE
26/11/2020 15:12

AYCHA: UN SENSO DI IMPOTENZA PERVADE CADONEGHE-----Un senso di colpa e di impotenza oggi pervade tutti a Cadoneghe, dopo l’efferato omicidio della giovane marocchina residente nel comune dell’Alta Padovana. Inaccettabile morire a 30 anni e per mano del proprio compagno con cui si stanno allevando tre figli. Omicidio avvenuto la notte tra il 24 e il 25 novembre proprio alla vigilia della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Le Istituzioni ci sono e fanno squadra in caso di denuncia. Sportelli antiviolenza, Servizi Sociali, Assessori, tutti si prodigano. Mancano i fondi, strutture, appartamenti in cui nascondere le vittime di violenza, leggi ancora più severe o semplicemente una diffusa cultura del problema. Queste donne dovrebbero poter scomparire, rifarsi una vita come avviene per i collaboratori di giustizia o testimoni di mafia. Non è concepibile dover tornare a casa, accanto a chi si è denunciano per maltrattamenti o minacce. Pressioni del carnefice, mancanza di autonomia economica vanificano gli sforzi delle Forze dell’Ordine e della Giustizia che perdono ogni potere al momento del ritiro della denuncia. Anche gli avvocati hanno un ruolo importante, le parcelle non possono prevalere sulla vita. Patteggiare o chiedere accomodamenti alla controparte come spesso avviene in ambito processuale andrebbe perseguito.

AYCHA: UN SENSO DI IMPOTENZA PERVADE CADONEGHE

AYCHA: UN SENSO DI IMPOTENZA PERVADE CADONEGHE-----Un senso di colpa e di impotenza oggi pervade tutti a Cadoneghe, dopo l’efferato omicidio della giovane marocchina residente nel comune dell’Alta Padovana. Inaccettabile morire a 30 anni e per mano del proprio compagno con cui si stanno allevando tre figli. Omicidio avvenuto la notte tra il 24 e il 25 novembre proprio alla vigilia della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Le Istituzioni ci sono e fanno squadra in caso di denuncia. Sportelli antiviolenza, Servizi Sociali, Assessori, tutti si prodigano. Mancano i fondi, strutture, appartamenti in cui nascondere le vittime di violenza, leggi ancora più severe o semplicemente una diffusa cultura del problema. Queste donne dovrebbero poter scomparire, rifarsi una vita come avviene per i collaboratori di giustizia o testimoni di mafia. Non è concepibile dover tornare a casa, accanto a chi si è denunciano per maltrattamenti o minacce. Pressioni del carnefice, mancanza di autonomia economica vanificano gli sforzi delle Forze dell’Ordine e della Giustizia che perdono ogni potere al momento del ritiro della denuncia. Anche gli avvocati hanno un ruolo importante, le parcelle non possono prevalere sulla vita. Patteggiare o chiedere accomodamenti alla controparte come spesso avviene in ambito processuale andrebbe perseguito.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
CABINE TELEFONICHE: INSOLITO SCRIGNO DI RICORDI----Situazione singolare, trovarsi davanti a una cabina telefonica con qualcuno di giovane. U...

TAMPONI IN FARMACIA: SERVIZIO UTILE ALLA COMUNITA'----Grazie all’accordo siglato lo scorso dicembre tra la Regione e le Farmacie, anche in...

IL QUESTORE: SERVE RISPETTO DELLE REGOLE ANTI COVID---La conta dei locali che hanno aderito in questi giorni all’iniziativa #ioapro1501, i...

APPE: LA DIPLOMAZIA PER OTTENERE VITTORIE---Non si è fatta attendere la reazione della Questura all...

PROTEZIONE CIVILE PRONTA A RICEVERE IL BURIAN-----Il Burian è un vento di aria gelida, a volte molto forte, caratteristico delle steppe russe. Viene da N-NE ed è causato da una d...

ISABELLA NOVENTA, 5 ANNI DALLA SUA SCOMPARSA----Sono trascorsi 5 anni da quella notte. Tra il 15 e 16 di gennaio del 2016, scompare nel nulla Isabella Noventa, segretaria 55enne re...

#IOAPRO1501: LE SABLON SI RIBELLA ----Indubbio il coraggio e la determinazione dimostrati questa mat...

PERDITE FATTURATO OLTRE 50% A PADOVA ---«A livello nazionale - ha affermato il ministro Speranza in...

TAMPONI SULLA POPOLAZIONE, PROSEGUE LO SCREENING----Capire come il virus si propaghi all’interno della comunità. E’ questo fondamentalm...

UNIVERSITA' DI PADOVA; IL TEST SALIVARE FUNZIONA-----Le molte strategie messe in atto dall’Università di Padova hanno permesso anche per questo nuovo anno, l...