PROSTITUZIONE: INCHIESTA SVELA UN MAXI-GIRO VIA WEB
news locale - 29/06/2011 10:01

UDINE, 29 GIU - Le nuove tecnologie al servizio del mestiere più antico del mondo. I moderni 'papponi' del web avevano creato una redditizia associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione che coinvolgeva oltre cinquemila giovani in tutta Italia, tra cui ex veline, casalinghe e disoccupate.

L'organizzazione è stata sgominata ora, dopo un anno di indagini, dai carabinieri del Nucleo investigativo di Udine, grazie all'operazione 'Duracell' che ha portato a cinque arresti e numerosi indagati. Il meccanismo messo in atto dal sodalizio criminoso era semplice e architettato a regola d'arte per complicare i controlli. Al centro del sistema i quattro siti (www.best-annunci.com, cercoamici-vip.com, escortinn.org, madamelite.com) creati dalla coppia al vertice dell'organizzazione, Daniele Zuliani, 55 anni di Silea, e la sua compagna di origini brasiliane, Sandra Eliza Ferreira, 49 anni. Siti su cui le prostitute pubblicavano i loro annunci.

A fare da intermediari una serie di agenti, di primo o secondo livello, incaricati di pubblicare le foto sul sito, realizzare il testo dell'annuncio e instaurare un rapporto fiduciario con la prostituta. Il pagamento per l'inserzione era di 200 euro al mese, 120 per 15 giorni o 70 per una settimana. Soldi che le prostitute (escort di lusso tra cui tre personaggi dello spettacolo, due donne e un uomo apparsi in reality su canale 5, donne comuni spinte al meretricio dalla crisi economica, gigolò e transessuali) pagavano sulle poste-pay aperte da prestanome insospettabili, pensionati o prostitute non più in attività, che poi scaricavano il denaro sui propri conti e, dopo qualche tempo, lo giravano in Svizzera o in Brasile. Il tutto in cambio di una provvigione variabile dal 3 al 7%. Il resto del denaro veniva spartito tra gli agenti, tre dei quali ora in carcere, e i gestori del sito. Il sistema fruttava un'enorme montagna di denaro, almeno un milione di euro l'anno per sito, oggetto di totale evasione fiscale. Il denaro veniva quindi impiegato per effettuare investimenti immobiliari all'estero, come il villaggio turistico acquistato nella zona di San Paolo, in Brasile. Ed è lì che a giorni si sarebbero rifugiati Zuliani e compagna, probabilmente soddisfatti del business finora realizzato, se non fosse intervenuta la custodia cautelare in carcere disposta dal gip del tribunale di Udine, Paolo Lauteri, nei loro confronti.

A richiederla, come per tre degli altri 16 indagati, il pm Maria Caterina Pace che coordina l'inchiesta nata sulla base di alcuni accertamenti seguiti nella soluzione del caso del killer della balestra, Ramon Berloso, morto suicida in carcere dopo aver ucciso le due escort Diana Alexiu e Ilenia Vecchiatto. Accertamenti che hanno trovato riscontri investigativi nel marzo 2011 quando venne consumata una rapina in casa di una prostituta udinese.

 

PROSTITUZIONE: INCHIESTA SVELA UN MAXI-GIRO VIA WEB

UDINE, 29 GIU - Le nuove tecnologie al servizio del mestiere più antico del mondo. I moderni 'papponi' del web avevano creato una redditizia associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione che coinvolgeva oltre cinquemila giovani in tutta Italia, tra cui ex veline, casalinghe e disoccupate.

L'organizzazione è stata sgominata ora, dopo un anno di indagini, dai carabinieri del Nucleo investigativo di Udine, grazie all'operazione 'Duracell' che ha portato a cinque arresti e numerosi indagati. Il meccanismo messo in atto dal sodalizio criminoso era semplice e architettato a regola d'arte per complicare i controlli. Al centro del sistema i quattro siti (www.best-annunci.com, cercoamici-vip.com, escortinn.org, madamelite.com) creati dalla coppia al vertice dell'organizzazione, Daniele Zuliani, 55 anni di Silea, e la sua compagna di origini brasiliane, Sandra Eliza Ferreira, 49 anni. Siti su cui le prostitute pubblicavano i loro annunci.

A fare da intermediari una serie di agenti, di primo o secondo livello, incaricati di pubblicare le foto sul sito, realizzare il testo dell'annuncio e instaurare un rapporto fiduciario con la prostituta. Il pagamento per l'inserzione era di 200 euro al mese, 120 per 15 giorni o 70 per una settimana. Soldi che le prostitute (escort di lusso tra cui tre personaggi dello spettacolo, due donne e un uomo apparsi in reality su canale 5, donne comuni spinte al meretricio dalla crisi economica, gigolò e transessuali) pagavano sulle poste-pay aperte da prestanome insospettabili, pensionati o prostitute non più in attività, che poi scaricavano il denaro sui propri conti e, dopo qualche tempo, lo giravano in Svizzera o in Brasile. Il tutto in cambio di una provvigione variabile dal 3 al 7%. Il resto del denaro veniva spartito tra gli agenti, tre dei quali ora in carcere, e i gestori del sito. Il sistema fruttava un'enorme montagna di denaro, almeno un milione di euro l'anno per sito, oggetto di totale evasione fiscale. Il denaro veniva quindi impiegato per effettuare investimenti immobiliari all'estero, come il villaggio turistico acquistato nella zona di San Paolo, in Brasile. Ed è lì che a giorni si sarebbero rifugiati Zuliani e compagna, probabilmente soddisfatti del business finora realizzato, se non fosse intervenuta la custodia cautelare in carcere disposta dal gip del tribunale di Udine, Paolo Lauteri, nei loro confronti.

A richiederla, come per tre degli altri 16 indagati, il pm Maria Caterina Pace che coordina l'inchiesta nata sulla base di alcuni accertamenti seguiti nella soluzione del caso del killer della balestra, Ramon Berloso, morto suicida in carcere dopo aver ucciso le due escort Diana Alexiu e Ilenia Vecchiatto. Accertamenti che hanno trovato riscontri investigativi nel marzo 2011 quando venne consumata una rapina in casa di una prostituta udinese.

 


Notice: Undefined variable: now in /media/STORAGE3T/gruppotv7/ads_module.php on line 66
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
RISPARMIARE COL WEB SI PUO' - Confrontare online le offerte per utenze domestiche e altre tariffe è...

IL ROTARY PROMUOVE LA COMUNICAZIONE INNOVATIVA - Sabato 2 febbraio presso il Centro Porsche Padova il Distretto Rotary 2060 ha presentato il proprio progetto di...

PROSTITUZIONE, 200 RAGAZZE ANCORA SULLA STRADA - Sono molte le ragazze costrette allo sfruttamento sulla strada, una vita che condiziona soprattutto le giovani nigeriane. La proposta di una progressiv...

SUL WEB O AL NEGOZIO, DOVE SI ACQUISTANO I REGALI - WEB - Il tempo stringe e la corsa ai regali natalizi entra nel vivo ma i padovani preferiscono acquistarli online o nei negozi cittadini?

UNIPD E POLIZIA POSTALE UNITI CONTRO GLI HACKER. Questa mattina è stato firmato, al Bo, un nuovo protocollo d'intesa tra università, Quest...

WHATSAPP VIETATO AGLI UNDER 16 DA MAGGIO - In osservanza del Regolamento europeo per la privacy dal 25 maggio Whastapp vieterà l'utilizzo della propria applicazione di messaggisti...

PER I CITTADINI L'UNICA SOLUZIONE È REGOLARIZZARE. Per migliorare la situazione delle vittime del racket, la prostituzi...

SCHIAVE AL CIGLIO DELLA STRADA: UNA PIAGA SOCIALE. Le operazioni delle forze dell'ordine contro lo sfruttamento della pr...

Ritorna l'accordo tra l'amministrazione comunale di padova, gli amministratori di condominio e la squadra speciale dei v...

Verona | Selezionavano le ragazze nelle città del Nord Africa e le preparavano alla prostituzione in Italia. L'operazione ha portato all'ordinanza di custodia ...