CITTA' METROPOLITANA: GOBBO, POSSIBILE ANCHE SENZA DECRETO
news locale - 10/12/2012 12:11

VENEZIA, 10 DIC - Una precisazione è d'obbligo, per il sindaco di Treviso, Gian Paolo Gobbo, quando si parla di Città Metropolitana: "Non parlerei tanto di 'Citta', quanto di 'Area' metropolitanà: un concetto - dice - che già c'é a livello regionale e che sarebbe quindi attuabile se solo ci fosse la volontà". E' per questo che Gobbo, pur spiegando che "si tratta di temi che io subisco, non che io decido", non sembra preoccupato dal rischio che decada il decreto di riordino delle Province, precludendo a livello nazionale l'estensione della Città metropolitana anche oltre il territorio provinciale di Venezia. "La 'Patreve' (Padova-Treviso-Venezia) - riprende, nell'ambito del convegno 'Le dimensioni e i progetti di Venezia metropoli' in corso nella città lagunare - è un concetto che viene da lontano e credo che bisognerà arrivare proprio a questo per quest'area del Nordest e del Veneto, che ha caratteristiche particolari rispetto al polo veronese, che guarda al Brennero, a La Spezia e Genova e a al quale non interessano l'Adriatico e la Pedemontana Veneta. Se noi non saremo capaci di aggregarci, a livello di aziende e infrastrutture temiamo di subire questa situazione". Gobbo guarda anche a una possibile congiunzione di quest'area metropolitana anche al Veneto occidentale e alla provincia montana bellunese, "creando una sorta di capitale reticolare come sono le moderne capitali europee, ad esempio Barcellona, che dopo le Olimpiadi è arrivata a otto milioni di abitanti. Dovrebbe essere questo il fine per cui attivarci, sia per le economie che per la concorrenza internazionale". Il primo passo da compiere, però, va effettuato a livello regionale. "I margini della manovra nazionale ci sono già da anni nella legge regionale, che prevede la possibilità, con referendum, di costituire delle macroaree. Anche per campanilismi mai sopiti - conclude - questo non è mai stato portato avanti e si può parlare di un'occasione persa, com'é stata per noi la Venezia-Monaco non fatta, che sarebbe diventata oggi come la Brennero-Modena per l'area occidentale. L'identità non deve essere un problema, ma la nostra forza, si tratta quindi solo di una questione economica e politica di macroaree".

CITTA' METROPOLITANA: GOBBO, POSSIBILE ANCHE SENZA DECRETO

VENEZIA, 10 DIC - Una precisazione è d'obbligo, per il sindaco di Treviso, Gian Paolo Gobbo, quando si parla di Città Metropolitana: "Non parlerei tanto di 'Citta', quanto di 'Area' metropolitanà: un concetto - dice - che già c'é a livello regionale e che sarebbe quindi attuabile se solo ci fosse la volontà". E' per questo che Gobbo, pur spiegando che "si tratta di temi che io subisco, non che io decido", non sembra preoccupato dal rischio che decada il decreto di riordino delle Province, precludendo a livello nazionale l'estensione della Città metropolitana anche oltre il territorio provinciale di Venezia. "La 'Patreve' (Padova-Treviso-Venezia) - riprende, nell'ambito del convegno 'Le dimensioni e i progetti di Venezia metropoli' in corso nella città lagunare - è un concetto che viene da lontano e credo che bisognerà arrivare proprio a questo per quest'area del Nordest e del Veneto, che ha caratteristiche particolari rispetto al polo veronese, che guarda al Brennero, a La Spezia e Genova e a al quale non interessano l'Adriatico e la Pedemontana Veneta. Se noi non saremo capaci di aggregarci, a livello di aziende e infrastrutture temiamo di subire questa situazione". Gobbo guarda anche a una possibile congiunzione di quest'area metropolitana anche al Veneto occidentale e alla provincia montana bellunese, "creando una sorta di capitale reticolare come sono le moderne capitali europee, ad esempio Barcellona, che dopo le Olimpiadi è arrivata a otto milioni di abitanti. Dovrebbe essere questo il fine per cui attivarci, sia per le economie che per la concorrenza internazionale". Il primo passo da compiere, però, va effettuato a livello regionale. "I margini della manovra nazionale ci sono già da anni nella legge regionale, che prevede la possibilità, con referendum, di costituire delle macroaree. Anche per campanilismi mai sopiti - conclude - questo non è mai stato portato avanti e si può parlare di un'occasione persa, com'é stata per noi la Venezia-Monaco non fatta, che sarebbe diventata oggi come la Brennero-Modena per l'area occidentale. L'identità non deve essere un problema, ma la nostra forza, si tratta quindi solo di una questione economica e politica di macroaree".

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
Tv7 con Voi del 10/5/2016 - Sviluppi possibili per la città metropolitana Ospiti: - ANNA TOAMAELLO vice sindaco al com...

In questa puntata vi mostriamo la bellezze delle ville nella riviera del Brenta; in particolare incontriamo a Villa Vidman Renato Trincanato...

Tv7 con Voi del 19/10/2015 - Quale città metropolitana di Venezia? Ospiti: -DAMASO ZANARDO, Cood....

Se ne parla molto ma sembra stentare a decollare. A un mese dall'insediamento del Consiglio della città Metropolitana di Venezia il cammino...

Venezia- Dal 24 settembre all'11 novembre parte "Città in Festa" una serie di eventi per unire il territorio. Si amplia la serie di eventi, coinvolgendo più comuni ecco uno dei t...

In una sala Consiglio gremita di persone il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, in veste di sindaco ...

Massimo Bitonci primo cittadino del Comune di Padova ospite della trasmissione del Gruppo TV7 , iReporter Sera ogni giovedì alle 21 condotta da Claudia Chasen...

36 dei 44 sindaci dei Comuni della Provincia di Venezia hanno partecipato, questa mattina, alla riunione convocata a Ca' Corner dal sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, per avviare le procedure per lo ...

Si è creata una frattura insanabile tra l'assessore alla cultura del comune d...

Tv7 con Voi del 23/09/2013 - ANCI VENETO: Tartassati   Ospiti: Maria Rosa Pavanello - Sindaco Mirano (VE) Partito Democratico Giuseppe Castman - Sindaco di Zermeghedo (VI) Lega Nord Matte...