NUOVA VIABILITÀ NODO CASTAGNARA: FIRMATO L’ACCORDO

06 Aprile 2022 11:43

Siglato a Palazzo Santo Stefano sede della Provincia di Padova, nella giornata di mercoledì 6 aprile, il progetto di fattibilità per soluzionare il nodo viario Padova Nord. Attese estenuanti, colonne di auto, inquinamento. E’ quanto vissuto ormai da anni dai residenti dei territori della prima cintura a nord di Padova : Vigodarzere , Limena , Cadoneghe. Non si tratta di una nuova strada ma di un vero e proprio sistema viario che correrà alla destra dei binari della ferrovia Padova-Castelfranco parallelo alla vecchia strada del Santo ma sopratutto distante dai centri abitati. Una nuova viabilità in grado di snellire l’intenso flusso veicolare in ingresso dai territori dell’Alta Padovana e in uscita dalla città del Santo. Se ne parlava già nel primo dopoguerra nonostante la situazione non fosse certo come quella attuale. Il sistema è composto principalmente da tre novità: collegare la tangenziale Padova Nord Corso XIII Giugno attraverso un sottopasso dell’autostrada al parcheggio scambiatore del metrobus di Pontevigodarzere. Attraversare il Brenta collegando la stazione ferroviaria di Vigodarzere con un nuovo ponte e più a nord scavalcando il Muson dei sassi creare nuovamente il collegamento con la vecchia Sr 307. Costo stimato dell’opera 89,3 milioni di euro che potrebbero arrivare dal Piano di Ripartenza o in parte dalla Regione con cui a breve verrà attivato un confronto sul progetto. Altra novità il collegamento Limena Vigodarzere attraverso un nuovo ponte più performante rispetto a quello già esistente, Ponte della Libertà, in cui spesso i mezzi pesanti rimangono incastrati mandando in tilt la viabilità.

Le intwerviste a: FABIO BUI Presidente Provincia di Padova, ROBERTO ZANOVELLO viceSindaco Comune di Vigodarzere, ANDREA MICALIZZI viceSindaco Comune di Padova, MARCO SCHIESARO Sindaco Comune di Cadoneghe 

Servizio di EMILIANO SCHINCAGLIA 

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply