SI FINGE PORTABAGLI RUBA DUE VALIGE A MESTRE

si-finge-portabagli-ruba-due-valige-a-mestre
01 Settembre 2015 13:14

Nella tarda mattinata di ieri sul piazzale esterno della stazione ferroviaria di Mestre, personale della Polizia Ferroviaria impiegato in uno specifico servizio antiborseggio attuato in abiti civili, ha individuato un uomo che per il suo modo di comportarsi destava in loro qualche sospetto. L’uomo infatti era stato visto aggirarsi tra i viaggiatori in attesa degli autobus rivolgendo lo sguardo ai bagagli dei turisti con il fare tipico dei borseggiatori. Qualche istante dopo pareva essersi proposto come portabagagli per agevolare una famiglia di turisti di origine asiatica che si era dimostrata particolarmente impacciata negli spostamenti. Pochi minuti più tardi, all’arrivo sul piazzale,  dell’autobus della società FUDEKS che svolge servizio internazionale sulla linea Belgrado – Vicenza, il soggetto sospetto si era mescolato ai passeggeri dell’autobus in attesa di prelevare le valigie depositate nel vano portabagagli e pochi istanti dopo veniva visto allontanarsi frettolosamente dall’autobus, da solo, portando al seguito due bagagli.  L’uomo è stato immediatamente pedinato potendo così riscontrare che, una volta giunto in prossimità dei giardinetti di piazzale Bainsizza, aveva aperto le due valigie iniziando a rovistarvi dentro.  Con mossa fulminea aveva prelevato un astuccio dal quale aveva estratto delle banconote che aveva poi riposto nelle tasche dei propri pantaloni. Gli agenti hanno raggiunto e bloccato l’uomo, il quale di fronte l’evidenza dei fatti ha riconsegnato immediatamente il maltolto.I bagagli in  questione sono risultati appartenere all’autista e all’hostess dell’autobus che nel frattempo avevano ripreso il viaggio verso Vicenza senza accorgersi di nulla. Informati di quanto accaduto, sono ritornati a Mestre nel corso del pomeriggio per ritirare i bagagli risultati integri del contenuto.

Il malfattore  identificato per Ion  A. nato nel 1973 in Romania, incensurato , è stato indagato in stato di libertà per furto aggravato.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply