AUDI GIALLA BRUCIATA, E’ CACCIA AI BANDITI

audi-gialla-bruciata-e-caccia-ai-banditi
26 Gennaio 2016 12:22

E' stata bruciata nella notte nel trevigiano l'Audi gialla al centro di una imponente caccia, da giorni, da parte delle forze dell'ordine. I tre malviventi che la usavano, sentendosi braccati, hanno incendiato la vettura in aperta campagna, vicino ad un torrente, il Muson, tra i comuni di Fonte ed Asolo. Le fiamme hanno allarmato alcuni cittadini che hanno chiamato i vigili del fuoco. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri che hanno constatato che si trattava dell'Audi Gialla rubata a Milano lo scorso dicembre e con la quale tre banditi si sono resi protagonisti di rocambolesche fughe, sul filo dei 260 km/h e in contromano sul passante di Mestre. L'Audi è stata ritrovata completamente avvolta dalle fiamme, anche se qualche frammento di carrozzeria di colore giallo era ancora distinguibile al momento dell'intervento dei vigili del fuoco. La carcassa è stata ora rimossa, posta sotto sequestro dai Carabinieri, e portata in un deposito giudiziario. Non risultano auto rubate nelle ultime 24 nel trevigiano e nel vicentino. Fonte, è quasi a cavallo delle due province e, non è escluso, che i malviventi abbiano una base o un appoggio da qualche connazionale nella zona che hanno dimostrato conoscere particolarmente bene. Dei malviventi, per il momento, non è stata trovata traccia.
E' atteso in giornata l'arrivo a Treviso dei carabinieri del Ris di Parma a cui spetteranno le analisi tecniche sull'Audi gialla. E dal torrente Muson, a lato del quale è stata data alle fiamme l'Audi, è partita la ricerca di possibili tracce o indizi per trovare elementi che portino ai malviventi. Verranno quindi visionate le telecamere dei vari comuni, come saranno setacciate le immagini di autogrill e distributori anche delle autostrade. Il lavoro degli investigatori prosegue senza sosta: Carabinieri, Polizia di Stato, Polstrada, Guardia di Finanza e Polizia Locale, si scambiano di continuo le informazioni. Le forze dell'ordine hanno in mano più di qualche foto dei tre banditi e, forse, potrebbe essere non lontana la loro identificazione.

 

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply