IL TRAUMA DI BIROLO: “FARO’ IL CONTADINO”

il-trauma-di-birolo-faro-il-contadino
14 Dicembre 2017 11:53

E' stato assolto in via definitiva per aver ucciso un ladro, Franco Birolo, 52 anni, il tabaccaio di Civè di Corezzola che freddò un cittadino moldavo di 22 anni durante un tentativo di furto. Birolo vende la sua attività e va a fare il contadino. Lo shock per quanto accaduto non lo ha mai lasciato: "Ho sempre paura, lasci la casa incustodita e pensi che possano violarla in ogni momento. Non è detto che ora sia immune da tutto questo, può succedere ancora". Condannato in primo grado e assolto in appello, ora che i tempi per un ricorso in Cassazione sono scaduti, Birolo ammette che nulla, nonostante la giustizia gli abbia dato ragione, è più come prima. Anche se andrà a lavorare la terra, non pensa comunque di abbandonare l'arma che ha utilizzato per difendersi. "La pistola la tengo – conferma – non è mica detto che una cosa del genere non possa ricapitare. Vivo nella paura che quella notte torni di nuovo". Il segno di quanto accaduto nella notte tra il 25 e il 26 aprile 2012 è ancora presente, al punto da fargli decidere di lasciare la tabaccheria. "La tengo aperta fino a gennaio – annuncia – poi la lascerò: mi viene a mancare qualcosa che mi era stato donato da mia madre e da mia nonna. Mi sembra di togliere qualcosa ai miei, ma mi hanno capito".

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply