RUBANO ENERGIA ELETTRICA OPPONENDOSI AL CONTROLLO

rubano-energia-elettrica-opponendosi-al-controllo
18 Settembre 2018 12:51

Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Carmignano di Sant’ Urbano (PD), durante un servizio pianificato per il controllo della presenza di clandestini o persone che vogliono sottrarsi alla giustizia che si servono di casolari abbandonati per nascondersi e trovare riparo nelle ore notturne, hanno arrestato un marocchino e denunciato un connazionale trovati all’interno di un edificio abbandonato ubicato in via Rottasabbadina di quel comune.

Nel contesto i militari, hanno trovato all’interno del fabbricato in argomento i due marocchini che, oltre ad avere trovato rifugio trasportando i loro effetti personali, si erano abusivamente allacciati alla rete elettrica esterna per illuminare i locali nelle ore notturne, senza avere sottoscritto un regolare contratto di fornitura con l’ente di distribuzione. Durante le fasi del controllo, uno dei due, E.B.A , 34enne, senza fissa dimora e noto alla giustizia, ha tentato la fuga aggredendo gli operanti, senza causare loro lesioni, prima di essere bloccato e arrestato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Lo stesso dovrà rispondere anche del reato di furto di energia elettrica, come dicasi per il suo connazionale, L.A., 50enne, residente a Casale di Scodosia (PD), che è stato denunciato in stato di libertà.

L’episodio, ancora una volta, sottolinea l’utilità dei servizi di controllo della tipologia in argomento, considerato che, non di rado, persone che non hanno titolo di permanenza sul territorio dello Stato o che hanno delle pendenze con la giustizia, utilizzano i fabbricati abbandonati per trovare rifugio all’interno, nel tentativo di sottrarsi a eventuali provvedimenti o per trascorrere le ore notturne, dovendo necessariamente vivere di espedienti o con il provento di piccoli reati poiché prive di permesso di soggiorno.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply