LA TRIESTINA AGO DELLA BILANCIA, CON L’INCUBO VIRUS

25 Marzo 2021 11:22

 

Il PADOVA si prepara alle sei gare più importanti della stagione. Le ultime, in tutto e per tutto: sei partite per decidere chi salirà in serie B, con la squadra di Mandorlini che parte avvantaggiata sulle contendenti per ovvii motivi di classifica.

Numericamente parlando, la classifica dice 5 sul Sudtirol e 7 sul Perugia, che però ha una gara da recuperare con la fermana la prossima settimana: se la vincerà, andrà a -4 dal padova e con lo scontro diretto a favore. Il che significa, che per avere la matematica certezza della promozione, il Padova può lasciare per strada al massimo tre punti: con cinque vittorie nelle ultime 6 la b sarebbe aritemtica in ogni caso.

 

Potrebbero servirne anche meno, se le contendenti qualche punto lo lasceranno per strada: ago della biolancia, potrebbe essere quella Triestina che dopo questa domenica incontrerà, una dopo l'altra, prima il Padova, alla vigilia di Pasqua, poi il Perugia, l'11 aprile, e infine il Sudtirol, nell'ultimo infrasettimanale di mercoledì 14. Un turno, quest'ultimo, che potrebbe anche però slittare a domenica 18: lo deciderà la prossima settimana il cosniglio di Lega Pro, perchè non ci sono più date disponigbili per i recuperi e si dovrà liberare qualche buco, spostando in avanti il termine della regular season, per far giocare tutte le gare che mancano nei tre gironi.

 

Eventualità che potrebbe necessitare proprio alla stessa formazione alabardata: in casa Triestina in questi giorni è scoppiato infatti un piccolo focolaio covid: ai sei positivi riscontrati martedì, tra i quali l'amministratore mauro milanese e tre calciatori, giorico, procaccio e brivio, mercoledì sera si è aggiunto anche un settimo, un componente dello staff tecnico. non sono state rese note le sue generalità, non vi è certezza che possa trattarsi di bepi pillon o di un suo collabroatore. sta di fatto che proprio oggi, per la prima volta, la triestina ha cominciato ad allenarsi a gruppi ridotti di dieci persone dopo tre giorni di quarantena. avendo già utitlizzato il suo jolly per inrivare il match col gubbio nel girone d'andata, il club giuliano non può più chiedere il rinvio di una partita. ma potrebbe farlo l'asugi, l'usl di trieste, ghià prima di venerdì, mettendo in quarantena tutta la squadra ancor prima del giro di tamponi già fissato.

 

se ne sarà qualcosa di più nelle prossime ore: il nome della squadra promossa in B uscirà sicuramente da una delle tre sfide di testa che attendono pillon e gli alabradati. virus permettendo.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply