UN’ORA DI ATTESA IN FIERA, SI VACCINA NON STOP

29 Marzo 2021 11:20

Due code separate per spezzare i tempi di attesa e velocizzare la vaccinazione.
Dopo un fine settimana tutto disagi e lunghe attese, l’Ulss 6 Euganea sperimenta una nuova organizzazione per l’accesso al sesto padiglione della Fiera di Padova, nel tentativo di assorbire l’urto della grande affluenza.
Venerdì sera la prima indicazione che qualcosa andava cambiato, con una coda interminabile fuori dal centro vaccini. 
Una folla di persone che, effettuata la prenotazione, si è riversata in Fiera, seguendo una ripartizione oraria di fatto andata in tilt dopo poco tempo.
Troppe prenotazioni programmate in un arco di tempo ridotto e soprattutto il foglio di anamnesi, necessario per effettuare il vaccino, ancora da compilare per molti.
Attese lunghissime ma anche uno sforzo sanitario notevole: domenica, non senza le medesime difficoltà, 3000 dosi sono state inoculate.
Oggi, alla porte di una nuova settimana di vaccinazioni, l’Ulss ha deciso di cambiare strategia.

PERCORSI DIVISI
Con i percorsi divisi tra prima e seconda iniezione, 21 ambulatori operativi di cui 4 dedicati ai richiami, il centro ha retto meglio l’afflusso nei momenti di punta lunedì mattina.
Tuttavia è apparso chiaro che il tempo teorico di una vaccinazione ogni 4 minuti è ampiamente sottostimato.
L’attesa media per completare il percorso si attestava intorno all’ora e un quarto, rispetto alla mezz’ora prevista.

LE MISURE FUTURE
Per tutta la giornata il personale dirigente dell’Ulss 6 è stato impegnato in una riunione fiume, per studiare, in accordo col Sindaco Sergio Giordani una nuova strategia, per alleggerire l’attesa e velocizzare i tempi.
Primo passo sarà portare nuovi ambulatori nella parte restante del padiglione, operativi appena dopo Pasqua.
Entro l’otto aprile, se tutti i 17 mila convocati si saranno presentati, la categoria over 80 in provincia sarà vaccinata.
Per raggiungere l’obiettivo in Fiera si lavorerà non stop dalle 8 alle 23 anche sabato e la domenica di Pasqua.

 

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply