SCHIAVONIA CHIEDE IL RITORNO ALLA NORMALITA’

schiavonia-chiede-il-ritorno-alla-normalita
20 Aprile 2021 17:08

A distanza di più di un anno dallo scoppio della pandemia, l’ospedale di Schiavonia è ancora Covid Hospital. Una situazione che mette a dura prova gli abitanti della Bassa Padovana, che in questo modo mancano di una struttura sanitaria di riferimento.
Motivo per cui Vanessa Camani, vice capogruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale, spinge per un immediato ritorno alla normalità, facendo gradualmente ripartire le attività, pur mantenendo un reparto per i pazienti affetti da Coronavirus.
Rispetto a marzo 2020, infatti, per gli Ospedali Riuniti Padova Sud la situazione è sempre la stessa: mentre nel resto della Regione sono stati allestiti specifici reparti in ogni ospedale per gestire l’emergenza sanitaria, a Schiavonia alcuni reparti rimangono chiusi,
così come i ricoveri e gli interventi non urgenti che rimangono sospesi per accogliere i pazienti Covid degli altri distretti.
Più volte il personale sanitario ha denunciato le difficoltà e la sensazione di non essere in grado di garantire adeguatamente il diritto alla salute dei pazienti del territorio,
anche e soprattutto per l’assenza di strutture alternative nella Bassa Padovana, ma ancora le loro parole non sono state ascoltate.

 

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply