STALKING: CALABRESE ARRESTATO A VERONA DA SQUADRA MOBILE

stalking-calabrese-arrestato-a-verona-da-squadra-mobile
29 Agosto 2011 12:21

VENEZIA, 29 AGO – Un calabrese di 47 anni residente a Verona è stato arrestato dalla Squadra Mobile scaligera e sottoposto dal gip agli arresti domiciliari, con l'accusa di stalking nei confronti di due assistenti sociali. Le operatrici del Comune di Verona lo avevano denunciato per continue molestie e aggressioni fisiche, iniziate dopo che all'uomo, secondo gli investigatori affetto da problemi di alcolismo, il tribunale Dei minori di Venezia, nell'ottobre del 2010, aveva tolto l'affidamento dei suoi due figli di sei e sette anni. Da quel momento il calabrese aveva dato vita a una vera e propria strategia intimidatoria nei confronti delle operatrici dei servizi sociali, che avevano avuto il compito di eseguire il provvedimento e di monitorare la situazione. In una occasione l'uomo aveva addirittura aggredito e minacciato una donna, colpevole solo di aver parcheggiato l'auto nei pressi degli uffici dei servizi sociali, scambiandola per una delle operatrici. Altre volte c'erano state minacce e danneggiamenti anche nei confronti delle operatrici della scuola materna che i suoi due figli frequentavano. Per tentare di liberarsi dalle persecuzioni, le operatrici avevano chiesto e ottenuto il trasferimento e avevano cambiato le proprie abitudini, arrivando, per esempio, in ufficio con la macchina e non più con la bicicletta, proprio per paura d'incontrarlo. L'uomo, oltre ad aggredirle fisicamente, con spinte o schiaffi, le minacciava di morte, gridando che le avrebbe fatte uccidere "dai suoi amici calabresi".

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply