ESTATE DI CONTROLLI NELLE STAZIONI DEL VENETO

14 Settembre 2021 16:21

Tempo di bilanci per il Compartimento Polizia ferroviaria del Veneto che ha realizzato durante il periodo estivo da giugno a oggi; 9 arresti, 26.963 identificazioni, indagate 148 persone per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, rifiuto di fornire le generalità, resistenza a Pubblico Ufficiale e presenza irregolare sul territorio nazionale. I controlli sono stati effettuati nelle principali stazioni ferroviarie e a bordo dei treni proprio in concomitanza con l’aumento del flusso di presenze di viaggiatori dovuto alla pausa estiva. A tal proposito il Comparto ha intensificato i presidi grazie a 3.023 pattuglie , 172 servizi antiborseggio effettuati da operatori in abiti civili, 144 treni scortati, 298 pattugliamenti lungo le principali linee ferroviarie per evitare danneggiamenti alle strutture ferroviarie garantendo la sicurezza e regolarità dei trasporti, 23 i provvedimenti di allontanamento in materia di Daspo Urbano, emessi nei confronti di soggetti senza fissa dimora , alcuni dei quali sanzionati per ubriachezza molesta e per atti contrari al pubblico decoro. Tra gli arresti, quello di un uomo di 45 anni che armato di una siringa aveva tentato di colpire le guardie giurate che lo avevano fermato, dopo il furto di alcuni generi alimentari presso l’esercizio commerciale presente all’interno della Stazione di Padova . L’arresto per rapina, nella Stazione di Venezia-Mestre, di un 33enne che in sella ad una bicicletta ha strappato di mano il cellulare a una giovane spintonandola e scagliandole contro il velocipede.

Servizio di EMILIANO SCHINCAGLIA

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply