PADOVA IN CONTROTENDENZA: MENO TRAFFICO DEL 2019

24 Novembre 2021 14:31

Rispetto alla scorsa estate, il cambiamento è evidente: da settembre ad oggi le strade di Padova sono tornate intasate, le auto incolonnate, intere arterie e quartieri in balia del traffico, soprattutto nelle ore di punta. E non c’è da stupirsi, visto che i dati nazionali diramati qualche giorno fa dal Ministero delle Infrastrutture ci hanno raccontato di un livello di traffico di auto e mezzi pesanti che oggi sta superando i livelli pre-covid, e questo perché, soprattutto, con la pandemia molta gente si è abituata a non utilizzare più i mezzi pubblici.

La notizia potrà sorprendere, rispetto alle sensazioni dei cittadini, eppure rispetto a quanto si possa immaginare, il traffico a Padova è diminuito rispetto al 2019. in controtendenza coi dati nazionali, la nostra città registra infatti un calo del numero di mezzi nell’ordine di qualche punto percentuale: lo si può vedere grazie ai dati delle stazioni di rilevamento che registrano il numero di passaggi nei punti di maggior transito della città. Per fare solo un paio di esempi, in una settimana tipo di novembre 2018, per via Vicenza in direzione città erano stati registrati oltre 128 mila veicoli, quest’anno, nella stessa settimana, quasi 10 mila in meno. In vai San marco, forse anche per effetto del neonato Arco di Giano, dai quasi 105 mila del 2018, si è passati ai meno di 98 mila di quest’anno.

Insomma, a Padova c’è meno traffico rispetto a quanto avveniva prima della pandemia, ma questo non significa che i padovani utilizzino meno l’auto e più i mezzi pubblici. Anzi, anche qui il crollo è forse ancora più vistoso: nell’autunno del 2020 i dati di utilizzo si erano dimezzati, e la ragione è evidente visto la normativa che prevedeva una capienza dimezzata su autobus e tram. Oggi si è recuperato qualcosa, ma ancora non abbastanza: ecco che allora non rimane che pensare che molti padovani siano a casa, purtroppo senza lavoro o magari ancora in smart working, con l’effetto di restituirci una città che si muove di meno.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply