UN MESE A NATALE,UNA FESTA FORSE UN PO’ PIÙ NORMALE

25 Novembre 2021 14:09

Forse non ce ne siamo nemmeno accorti, e forse questo è perché ogni giorno, da due anni a questa parte, è diventato tremendamente simile a quello precedente e a quello successivo. L’estate ancora ancora si salva, è stato così nel 2021 e anche nel terribile 2020: il momento di sfogo in cui dimenticare ciò che abbiamo passato grazie ad una vita quasi normale. È adesso, che arrivano il freddo e l’inverno, che i giorni si fanno tutti così simili. Impegnati come siamo ad accettare questa vita così strana, si cerca di mettere i giorni uno dietro l’altro aspettando che torni la stagione in cui il virus non ci fa più paura, e quasi senza accorgercene siamo qui, arrivati ad un mese dal Natale.

Sarà un Natale migliore, sarà un Natale diverso. Lo vogliamo, e qualcuno in un certo senso ce lo deve: chi ha avuto la forza, è riuscito a dimenticare com’era stato quello del 2020, lo aspetta con impazienza, chi ancora non è riuscito a metterselo alle spalle probabilmente lo farà stavolta, con un Natale finalmente più normale. Non del tutto, certo, ma senza coprifuoco, senza cenoni annullati e viaggi rimandati. Con ancora un pizzico di paura e tante precauzioni, ma torneremo a rivedere gli affetti, torneremo a ritrovarci insieme. Padova si sta avvicinando così, al Natale che arriva tra un mese. Lo sta facendo forse con poca consapevolezza di ciò che accadrà, ma fiduciosa che sia un Natale diverso: per troppo tempo, abbiamo lasciato perdere gli affetti e ci siamo chiusi in noi stessi. Stavolta no, non sarà così. Lo si respira anche oggi, lo si respira per le strade: c’è voglia di Natale e c’è voglia di un Natale quanto il più possibile normale. Un giorno tornerà, quello vero, autentico e spensierato. Ma intanto ci possiamo godere l’attesa, l’unico mese che rimane, verso un Natale magari non perfetto, ma finalmente, più normale di quello che ricordiamo.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply