COVID”UNA DELLE PIU’ GRANDI TRAGEDIE DELL’UMANITA'”

21 Febbraio 2022 15:49

Il 24 febbraio 2020 comincia una lunga interminabile diretta dalla sala Stampa della Protezione civile del Veneto con il Presidente Luca Zaia. I veneti, l’Italia e anche il mondo seguono giorno dopo giorno l’evoluzione dello scoppio dell’emergenza sanitaria asserragliati nelle proprie case. Numeri, strategie e contromosse per arginare morti e contagi. Solo qualche giorno prima, il 21 febbraio la prima vittima Covid in Italia, un padovano Andriano Trevisan, si scatena il panico. Il Veneto ne conterà altre 13.726, dato aggiornato a oggi. La regione sfodera il piano emergenza, tre le prime azioni a contrasto del dilagare del virus: tamponi di massa a Vò che conta 3.275 residenti , l’Ospedale di Schiavonia viene chiuso e in 4 giorni svuotato, vengono posizionate le tende riscaldate all’ingresso del Pronto Soccorso in attesa dell’ondata di possibili contagi.

Il 22 febbraio Vò è già Zona Rossa, il 1à marzo lo sarà anche tutto il Veneto. E’ l’inizio di una battaglia non ancora terminata che dura da 24 mesi, che porta il Veneto ad essere un modello di riferimento mondiale. Scelte spesso difficili e in alcuni casi anche contestate che però ci hanno traghettato a oggi in cui si comincia a vedere la luce alla fine del tunnel. La banca del sangue iperimmune, l’incessante screening, le prime mascherine, le terapie semintensive, le cure attraverso le monoclonali, il triage i controlli presso gli scali aereoportuali, le cure a domicilio e infine i vaccini. Il Veneto schiera il suo esercito composto da 54 mila dipendenti della Sanità, 12 mila medici, 3 mila medici di base e 500 pediatri di libera scelta. Oltre 3 milioni di ore lavoro donate dai volontari della Protezione Civile, gli Alpini che in tempo record riattivano Ospedali in disuso e in fine tutti quei medici infermieri e personale che ha condotto la campagna vaccinale che ha coperto il 90% dei residenti in Veneto.

Nel servizio ; LUCA ZAIA Presidente Regione del Veneto

Servizio di EMILIANO SCHINCAGLIA

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply