GIORDANI E PEGHIN A CONFRONTO DA APPE

20 Maggio 2022 10:59

Non si sono nemmeno incrociati i candidati sindaco Francesco Peghin e Sergio Giordani entrambi convocati dall’Associazione Pubblici Esercizi per esporre il proprio pensiero sulle problematiche che stanno maggiormente a cuore a baristi e ristoratori.

Così come da programma il primo ad incontrare i rappresentanti dell’associazione è stato il candidato per il centrodestra, seguito a distanza di qualche minuto dallo sfidante.

Cinque i punti sollevati nel confronto a distanza: accessibilità alla città, movida, plateatici, asporto rifiuti e attrattività di centro e quartieri.

Si è parlato quindi del futuro della Prandina e di piazza Insurrezione, ma anche di tram che renderà il centro città ancora più accessibile con vantaggi sia per quanto riguarda le tempistiche che la comodità secondo Sergio Giordani, un mezzo a cui è invece contrario Francesco Peghin, che predilige autobus elettrici snodabili, sempre a corsia vincolata per non perdere i finanziamenti già assegnati.

In tema di movida: Peghin propone maggiori controlli da parte della polizia municipale considerando di poca efficacia la presenza degli street tutor e si dichiara favorevole all’estensione dei plateatici.

E sui plateatici punta anche Giordani che vede di buon occhio la delocalizzazione dei luoghi della movida, ma senza abbandonare il centro, nella piena consapevolezza che l’attività di bar e ristoranti sia anche un presidio di sicurezza.

Quanto ai rifiuti, entrambi i candidati sindaco sono dell’opinione che il sistema vada rivisto, in particolare il porta a porta per Peghin che in alcune zone proprio non funziona. Giordani punta soprattutto ad una più equa tariffazione.

I principali candidati sono infine d’accordo sulla necessità di migliorare l’attrattività dei quartieri.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply