QUEL CHE RESTA DELL’IDROVIA PADOVA – VENEZIA

25 Maggio 2022 15:09

Un canale verdastro, all’ombra di una chiusa spettrale, quasi fosse una strana astronave, atterrata nel mezzo della pianura veneta.

Ecco ciò che resta dell’idrovia, forse la più grande opera incompiuta della regione.

L’idea di collegare Padova a Venezia via acqua per il trasporto delle merci risale agli anni Sessanta. Sulla carta circa 20 chilometri navigabili, 60 metri di larghezza, 5 di profondità.

Ma con l’andar degli anni il trasporto su gomma ha definitivamente affossato quello fluviale e il faraonico progetto è naufragato, tra i costi esorbitanti. Oggi dell’idrovia esistono solo brevi tratti, il più evidente dei quali tra Padova e Vigonovo. Un corridoio naturalistico, certo, ma anche simbolo di fallimento.

Stando alle stime presentate dalle Regione Veneto, un completamento potrebbe costare fino a 500 milioni di euro. Soldi al momento non disponibili. Completare questa via d’acqua non sarebbe solo strategico per l’economia ma anche per i problemi idraulici della pianura, allontanando definitivamente la minaccia delle alluvioni.

Anche in questo caso, idee per ora destinate a rimanere su carta.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply