REBUS CARBURANTE, TRA PREZZI ALTI E PREOCCUPAZIONI

27 Giugno 2022 11:04

I prezzi di diesel e benzina continuano ad aumentare: a Padova come in quasi tutti i comuni veneti, non si riesce a trovare un distributore che eroghi benzina o gasolio sotto i due euro al litro. Una cifra davvero esorbitante per le 
tasche dei contribuenti, seriamente spaventati dal conflitto scoppiato alle porte dell'Europa che porta inevitabilmente con sè oltre alla morte e distruzione, anche non pochi problemi di natura economica.
Il 24 Giugno per questo motivo è stato firmato da Daniele Franco (Ministro dell'economia e le finanze) e Roberto Cingolani (Ministro Transizione Ecologica) il decreto interministeriale che proroga fino al 2 Agosto 2022 le misure per ridurre il prezzo finale del carburante, che nello specifico subisce uno sconto pari a 0,30 centesimi per litro.
Ricordiamo però che il prezzo finale dopo aver applicato lo sconto è comunque superiore ai 2,00 Euro per litro, e come sottolinea Massimo Dona (Presidente Unione Nazionale Consumatori) non basta ad arginare gli eccessivi costi che la popolazione si trova costretta a pagare, chiedendo misure più decise per contrastare tali speculazioni, consigliando la diminuzione dell'iva sui carburanti dal 22% al 10%.
Da notare come a Padova il problema abbia scatenato una paticolare reazione in una parte dei cittadini, che sono corsi a riempire il più possibile i prori serbatoi con la paura che il conflitto si prolunghi tanto da lasciare senza carburante le stazioni di servizio.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply