PISCINA DI SELVAZZANO, LAVORI FERMI PER CONTENZIOSO

29 Giugno 2022 13:12

Prima i rallentamenti dovuti al covid, poi il fallimento dell’azienda realizzatrice, infine un contenzioso tra Comune e Consorzio Build.
Non si profilano tempi migliori per la nuova piscina di Selvazzano, nata dall’entusiasmo di un’economia forte e florida oltre una decina di anni fa ed arenatasi fra costi e incertezze.

Dei due lotti necessari per aprire l’impianto solo uno è stato avviato, per un esborso pubblico, fin ora, di 4.3 milioni di euro.
Con il fallimento della Elettrica Sistem si è aperto il contenzioso legale. Benché il Comune possa affidare il cantiere ad un’altra azienda tra quelle in gara e ripartire, deve ancora rientrare di quasi un milione e mezzo, versato come anticipo alla ditta: questo non potrà avvenire prima della primavera 2023.

Esclusa anche la possibilità di accedere al PNRR, perché l’azienda è fallita e di fatto i lavori sono bloccati.

Al di là del completamento serve pensare al futuro. Chi gestirà l’impianto una volta terminato? E, soprattutto, come renderlo sostenibile?

Chiuso, quantomeno, il recupero degli stipendi di una decina di operai, grazie ad un’azione sindacale e legale coordinata dalla CGIL patavina.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply