TURISMO VENETO: BILANCIO POSITIVO A GIUGNO

01 Luglio 2022 16:28

Il mese di giugno appena giunto al termine porta con sé dati rassicuranti e per alberghi e campeggi del Veneto è un avvio di stagione positivo. I tassi di occupazione sono in netta crescita rispetto al 2021 e questo vale per tutte le strutture. Sul fronte alberghiero, sono il lago, le coste e le terme le mete predilette dai turisti, grazie anche agli alti tassi registrati nel weekend di Corpus Domini. Con un importante incremento del 55,9%, il lago raggiunge l’81,8% di occupazione, con la presenza, in particolare, di turisti tedeschi. La costa veneta segna il 72,7%, in crescita quasi del 20% rispetto dal 2021, prenotata in prevalenza da turisti italiani, tedeschi e austriaci. La meta prediletta dai turisti italiani sono invece le località termali, dove l’occupazione arriva al 66%, valore simile anche per le città d’arte, dove il tasso raggiunto è del 63,4%, quasi raddoppiato rispetto al 2021. Acquista punti anche la montagna, che riesce a raggiungere il 50% di occupazione.

Altra meta apprezzata dai turisti sono i campeggi e i villaggi turistici dell’Alto Adriatico, dove l’occupazione media nel mese di giugno supera l’80%, con picchi superiori al 90%, in prevalenza di turisti tedeschi. “Gli indicatori sull’occupazione del mese di giugno sottolineano in modo evidente la ripartenza definitiva del turismo dopo il Covid che, per il momento, non sembra risentire dell’effetto della guerra, afferma il presidente di Federalberghi Veneto Massimiliano Schiavon, “Il quadro premia il lavoro degli albergatori fatto in questi mesi per farsi trovare pronti nonostante l’incertezza ed i problemi sull'occupazione”.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply