PIOGGIA E GRANDINE: PADOVANO COLPITO DAL MALTEMPO

02 Luglio 2022 11:25

Una vera e propria ondata di maltempo quella che ha colpito il padovano nel pomeriggio di venerdì 1 luglio.

Ad essere maggiormente interessati dal temporale sono stati il capoluogo, la prima periferia e la zona dei colli.

Pioggia, vento forte che ha fatto cadere alcuni alberi, e grandine con chicchi anche molto grossi soprattutto nel selvazzanese.

Quanto meno, questa volta non si sono registrati allagamenti significativi.

Circa una quindicina gli interventi dei Vigili del Fuoco, chiamati soprattutto per rimuovere alberi e alberi che ostruivano la circolazione.

Il fenomeno temporalesco, alla fine, è durato circa un’ora, e di certo non risolverà i problemi di siccità ormai cronici, che in questi mesi sta facendo registrare livelli preoccupanti.

Anzi, se possibile, mette ancora più in crisi l’agricoltura. Coldiretti ha registrato danni alle coltivazioni a pieno campo come il mais, la soia, le barbabietole e l’erba medica, ma c’è preoccupazione anche per le conseguenze sui vigneti ad ovest dei Colli Euganei e sugli ortaggi all’aperto.

La pioggia, rileva Coldiretti, è attesa per combattere la siccità nelle campagne ma per essere di sollievo deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni intense provocano danni poiché i terreni non riescono ad assorbire l’acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento provocando frane e smottamenti.

Sono le conseguenze dei cambiamenti climatici, dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply