QUALITÀ DELL’ARIA: 21° ANNO IN ROSSO PER PADOVA

20 Luglio 2022 16:17

L’aria della città è sempre meno respirabile, sono 21 anni consecutivi che Padova termina i bilanci ambientali in rosso piazzandosi ancora tra le città più inquinate d’Italia.

A preoccupare particolarmente è il livello di ozono nell’atmosfera che per legge non dovrebbe superare i 120 grammi per metro cubo d’aria per più di 25 giorni.

Basta ad esempio dare un occhiata ai dati della stazione di rilevamento di via Carli nella zona est di Padova dove nella data del 18 luglio il limite è stato già superato per ben 42 giorni, oppure nella stazione di via Internato Ignoto in Forcellini dove nello stesso periodo sono state rilevate violazioni per 27 giorni, rendendo la città fuori norma per più di un giorno su due.

L’ozono si crea principalmente grazie ai processi di combustione come quelli delle auto e con l’ausilio del caldo trova modo ancora più facile di svilupparsi, arrivando a creare preoccupazioni per lo stato di salute dei cittadini. Legambiente ricorda che l’esposizione all’ozono provoca un aggravio delle patologie legate al sistema respiratorio.

La situazione a Padova è talmente negativa da rendere addirittura sconsigliato fare attività fisica dalle ore 10.00 alle 18.00. Per arrivare ad una soluzione, sottolinea il responsabile delle politiche antismog di Legambiente Padova Lucio Passi, c’è bisogno di favorire lo spostamento in bici ed elettrico, aumentando allo stesso tempo il verde nella città che scarseggia sempre di più.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply