CITTADELLA ANCORA KO, SHOW DEL VENEZIA A CAGLIARI

01 Ottobre 2022 16:50

La sosta non ha fatto bene al Cittadella, che dopo aver ricaricato le batterie dopo il ko con la reggina, torna in campo al Tombolato e cade per la seconda volta di fila. la brutta notizia è il primo ko interno per Gorini, che sinora aveva conquistato sette degli otto punti racimolati proprio in casa: la Ternana vince 1-0 contro i granata, orfani di Baldini fermato dall'influenza e incapaci di una prova degna delle precedenti.

Gli umbri, che nel primo tempo si fanno pericolosi un paio di volte con Agazzi, passano in vantaggio al 34esimo: schema da calcio d'angolo e cross di Palumbo che attraversa l'area e si insacca in rete. Favilli è in traiettoria e sembra in fuorigioco ma il VAR mette tutti d'accordo, perchè è Tounkara a tenere in gioco l'attaccante rossoverde. Nella ripresa, Gorini si gioca la carta Lores Varela, che però al 12mo tradisce le attese facendosi fermare a tu per tu con il portiere Iannarilli. Nel finale tornano a spingere gli umbri, che in pieno recupero trovano quindi la rete che chiude i conti con Coulibaly portando a casa tre punti pesanti e la terza vittoria consecutiva, mentre il Cittadella finisce a un punto dalla zona playout.

Ha del clamoroso, invece l'exploit del Venezia, che scaccia i venti di crisi che soffiavano sul tecnico Javorcic con la quaterna servita sulla ruota di Cagliari. Sardi in vantaggio al 37esimo della prima frazione, quando sulla punizione violenta di Mancosu, la deviazione di testa di Pohjanpalo mette fuori causa Joronen. Dagli spogliatoi, escono però dopo l'intervallo due squadre diverse e nella ripresa in campo ci sono solo i lagunari. Dopo quattro minuti, è proprio il finlandese a farsi perdonare la sfortunata deviazione dell'1-0: la zuccata di Pohjanpalo gela Radunovic e la Sardegna arena, che dopo aver visto Pavoletti fermato da Joronen, al 60esimo assiste all'ingresso di Cheryshev. Il russo, finora a secco, nei suoi primi cinque minuti di gara segna due gol, prima insaccando sulla respinta incerta del portiere, e poi con un sinistro sottomisura che fa l'incredibile 1-3. Nel finale, si trasforma quindi anche in uomo-assist per la corsa di Haps, che timbra lo spettacolare 1-4 con un sinistro incrociato.

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply