SANTA MARIA DI SALA: SEI ARRESTI PER CORRUZIONE

23 Gennaio 2023 17:51

E’ stata la denuncia ai carabinieri di un imprenditore che non si è piegato a un sistema di tangenti a dare il via alle inchiesta che ha fatto finire agli arresti domiciliari sei persone, tra politici, funzionari pubblici e imprenditori.

Le indagini che interessano il comune di Santa Maria di Sala (Venezia) sono iniziate nel 2019 quando appunto un imprenditore, con una registrazione presa di nascosto, ha denunciato la richiesta di tangenti subita per il cambio di destinazione d’uso di un terreno da destinare a RSA. Per questo passaggio da uso agricolo a edificabile, era necessaria una delibera comunale, da ottenere con un "versamento extra", il 10-15% su un totale di 100 mila euro.

Ci sono voluti quindi anni di controlli, intercettazioni e analisi di tabulati elettronici per raccogliere le prove che hanno portato ai domiciliari due ex sindaci del comune del veneziano Nicola Fragomeni, attuale presidente del Consiglio Comunale e coordinatore provinciale di Coraggio Italia, e Ugo Zamengo, attualmente consigliere comunale, ma anche un dirigente dell'amministrazione, il geometra Carlo Pajaro nonchè Marcello Carraro, titolare di uno studio di architettura.

Coinvolti anche due imprenditori padovani: Mauro Cazzaro (presidente fino al 2021 di Ance Padova) e Battista Camporese (in passato direttore dell’OIC e di Villa Maria).

FacebookTwitterLinkedIn

leave a reply